Hic Sunt Leones

Gente che scompare. Un dolore sordo in chi resta, che a poco a poco diventa rabbia. Fin dove possono portare questi sentimenti se spinti alla deriva è difficile dirlo, ma sono davvero troppe le persone che giorno dopo giorno cadono in un vuoto inspiegabile, tanto che, come immaginavano gli antichi romani, viene da pensare all’esistenza di una ignota e selvaggia terra degli scomparsi, nella quale vivono le belve feroci. E chi finisce in mezzo ai leoni, raramente sopravvive.



Contrada, provincia di Città dello Stretto, Calabria Ultra.

In una domenica di fine millennio Anna, una ragazzina bionda e dolcemente acerba, scompare nel riverbero del sole primaverile. La ricerca affannosa della Polizia non porta ad alcun esito, nonostante l’impegno dell’ispettore Macrì. Le ipotesi si accavallano, fino a depositarsi su quella più accomodante di un sequestro di ‘ndrangheta finito male.

A distanza di quindici anni Marco non ha superato la perdita della sorella gemella Anna, e agita la sua vita in un vuoto emotivo alimentato dalla disgregazione dei suoi affetti familiari. Il suo oblio affettivo viene appena mitigato dal precario rapporto con Carla, studentessa liceale appassionata di antichità, che lo trascina nelle sue escursioni domenicali a caccia di storia, facendogli conoscere la splendida Condojanni. Marco trova per caso una traccia che lo potrebbe condurre vicino alla verità sulla sorella, ma ormai sfiduciato dalla Giustizia, preferirà agire da solo. All’inseguimento di un Fantasma predatore di bambine, verrà trascinato in un vortice che lo porterà allo sconvolgimento del suo equilibrio mentale. Tuttavia, la verità resta quasi sempre invisibile agli occhi di chi più la cerca, e al termine di un tormentato cammino di sangue e orrore, Marco la accoglierà sulla propria pelle a carissimo prezzo, scoprendo quanto possa essere pungente e feroce il suo abbraccio.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anton.francesco Milicia

Contrada Delle Case Vecchie

Contrada Delle Case Vecchie di

Lo chiamano il Fabbro… e tiene sotto scacco Contrada delle Case Vecchie, un pezzo dimenticato di Calabria Ultra dove lo Stato e la Mafia si rincorrono nelle pieghe della zona grigio cenere. Il Maresciallo Pasquale gli dà la caccia ormai da due anni, e da poco tempo lo fa sotto la direzione di un Procuratore Aggiunto dalla mente brillante e dalle intuizioni felici, fatto venire apposta da Roma. ...

Morsi di Morte

Morsi di Morte di

5 morsi ben dati