Marvin Gaye: Il sogno spezzato (Soul Books)

Le colpe degli uomini ricadono sui figli e, per qualche assurdo gioco del fato, Marvin Gaye vedeva sciogliere la propria vita nel fumo di una calibro 38, dall'al- tra parte della quale si trovava la mano di suo padre.

Ma prima di quel 1° aprile 1984 c'erano stati i giorni del doo wop a fiorire sotto i lampioni del quartiere, di una favola dai contorni sfocati chiamata Motown e dell'ennesimo ritorno da un universo parallelo in cui era fin troppo facile restare intrappolati.

Tra incontri di pugilato e amori al limite della legge, l'ossessione per la Bibbia e sensi di colpa impossibili da tacere, "Marvin Gaye - Il sogno spezzato" è un viaggio nella cultura afroamericana del secolo scorso, vista attraverso gli occhi di una delle maggiori icone della musica soul, con il sottofondo di capolavori quali Ain't No Mountain High Enough, I Heard It Through the Grapevine e, ovvia- mente, What's Going On.

Perché quando il fumo si diradava, nulla sembrava essere più come prima.



Carlo Babando

Nato a Caltanissetta nel 1986, laureato in lettere e in scienze storiche. Lavora in un negozio di dischi non distante dalle due torri di Bologna e sfrutta il tempo che gli rimane facendosi coinvolgere, più o meno consapevolmente, in una serie di attività collaterali riguardanti la musica. Dopo avere collaborato per diversi anni con “Mucchio Selvaggio”, “Extra” e, spora- dicamente, “Chitarre”, scrive ogni mese sulle pagine di “Blow Up” occupandosi soprattutto di cultura afroamericana.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carlo Babando

Marvin Gaye: Il sogno spezzato

Marvin Gaye: Il sogno spezzato di

Le colpe degli uomini ricadono sui figli e, per qualche assurdo gioco del fato, Marvin Gaye vedeva sciogliere la propria vita nel fumo di una calibro 38, dall'altra parte della quale si trovava la mano di suo padre.Ma prima di quel 1° aprile 1984 c'erano stati i giorni del doo wop a fiorire sotto i lampioni del quartiere, di una favola dai contorni sfocati chiamata Motown e dell'ennesimo ritorn...