Lo spregio

Compra su Amazon

Lo spregio
Autore
Alessandro Zaccuri
Editore
Marsilio
Pubblicazione
15/09/2016
Categorie
Siamo negli anni Novanta, tra i monti al confine con la Svizzera. Franco Morelli detto il Moro ha ereditato dal padre la Trattoria dell’Angelo, e la fa fruttare come si deve: ma i soldi, quelli veri, li guadagna trafficando con prostitute e spalloni - e forse grazie ad altri affari ancora più oscuri e pericolosi. È un uomo chiuso, determinato: del tutto amorale. Ha un figlio - in realtà un trovatello, ma nessuno lo sa - che lo adora come un dio; e una moglie timida e servile - la cuoca - che gli serve solo per giustificare al mondo l’esistenza del piccolo Angelo. Ma Angelo, crescendo, scopre che cos’è in realtà suo padre; e anziché ripudiarlo decide di voler essere come lui, più di lui. Si lega d’amicizia con Salvo, rampollo spendaccione ma non sciocco di una famiglia del Sud in soggiorno obbligato. Ben presto però anche questa amicizia diventa competizione, e Angelo commette l’errore fatale: vuole essere come il suo amico Salvo, di più del suo amico Salvo.
La punizione dello “spregio” sarà terribile; e terribili le conseguenze.

In questa narrazione breve, spedita e secca come il racconto del peccato originale, Alessandro Zaccuri torna al tema del suo primo, potentissimo romanzo: il legame, la competizione, la lotta tra figli e padri.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alessandro Zaccuri

Il signor figlio

Il signor figlio di

"C'è un libro bellissimo in cui si immagina che il poeta non sia morto nell'epidemia di colera a Napoli, ma si sia trasferito a Londra sotto falso nome. Naturalmente le cose non sono andate così, ma con un pizzico di coraggio in più forse ne sarebbe venuto un film non solo buono, lodevole e coraggioso, ma strepitoso"Margherita Oggero a proposito del film di Mario Martone su Leopardi, Il giovane...

L'errore

L'errore di

Rudolf Beer, nato nel 1863 e morto a Vienna il 13 dicembre 1913, fu uno studioso accuratissimo, addirittura eccellente nella paleografia. Restano insuperate le sue pagine dedicate alla biblioteca del monastero di Santa Maria di Ripoll, presso Girona, o a quella della cattedrale di León. La sua “Storia letteraria della Spagna” ancora si ristampa, a distanza di più di un secolo da quando fu compo...