Parole e tempo su binari paralleli

Questo libretto lo dedico a lei al mio amore di oggi che ho spesso idealizzato nel passato quando, rimasto solo dopo un disastro matrimoniale e la perdita di un amore ho passato notti insonne a fantasticare.



Sono poesie scritte di getto e non riviste, alcune per me belle, altre brutte, ma sono la registrazione di uno stato d'animo. Le scrivevo su email con sfondi fantasmatici e musica e le spalmavo in giro. Era un modo per presentarmi, dare il buon giorno, in un epoca dove la comunicazione era in chat di c6, la prima vera chat online che si sviluppò dal 1994 fino al 2005, quando diventa c6 messenger per scomparire del tutto nel 2011.



Parole e tempo su binari paralleli è un verso di una poesia, la prima, "il treno" che apre la rassegna. Mi è piaciuto dare questo titolo perché rappresenta l'idea stessa che è all'origine di questa scrittura come se le parole scritte camminassero insieme al tempo, quindi proiettate nel futuro. Difatti una sola poesia si chiama "Passato".



Ho pensato di fare un ebook gratuito perché penso molto alla socializzazione di questi stati d'animo. Poi ci sono poesie giovanili, religiose, meditazioni sulla vita e quello che troverete voi. Buona lettura.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Roberto De Giorgi

dottore! mi si è precarizzata la vita

dottore! mi si è precarizzata la vita di

Oggi si parla molto di lavoro, riforma del suo mercato, ma la precarietà il nostro autore l’ha insegnata ai giovani nei corsi di formazione. Spesso - così racconta - nei corsi di orientamento ha mostrato la sua vita per far raccontare ai ragazzi la loro. Un modo per fare coming out, parafrasando dal movimento omosessuale, dichiarando stavolta la proprietà precarietà come per dire se ce l’ho fa...

Delirio condannato a morte: 5 (Collana i libri di Agorà Magazine)

Delirio condannato a morte: 5 (Collana i libri di Agorà Magazine) di

In questo racconto breve c'è il monologo di un condannato a morte, una trascrizione che avrebbe dovuto essere, in una esperienza giovanile dell'autore, un tormentone teatrale.

Il mio amore col fiore in bocca

Il mio amore col fiore in bocca di

Il vero fiore è il mio amore. Quest'altro è un intruso. Questo è il diario, scritto così, in piedi, in auto, durante il viaggio, nelle sale d'attesa dell'Istituto tumori Regina Elena di Roma, osservando quest'umanità colta nella sua quotidianità inquieta e nella voglia di correre altrove. La scelta di pubblicare questo diario è nata da lei e da me nello stesso momento, pensando di regalare all'...