Forse che sì forse che no

"Forse che sì, forse che no" è un romanzo di Gabriele D'Annunzio pubblicato nel 1910. La stesura del romanzo era iniziata con qualche difficoltà già l'anno prima, ma il lavoro non pareva decollare. D'Annunzio diede al romanzo come titolo un celebre motto presente nel soffitto ligneo a labirinto del Palazzo Ducale di Mantova, di cui restò affascinato durante una sua visita del 1907. Il romanzo è ambientato nel mondo dell'aviazione che muoveva, al tempo, i primi passi; descrive lo sviluppo di passioni che legano e dividono cinque personaggi borghesi e che sono fatalmente destinate a lasciare una "scia" di dolore e morte.



Gabriele D'Annunzio, (Pescara, 12 marzo 1863 – Gardone Riviera, 1º marzo 1938), è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo, militare, politico, giornalista e patriota italiano, simbolo del Decadentismo e celebre figura della prima guerra mondiale.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gabriele D'Annunzio

Notturno (Biblioteca Italiana Zanichelli)

Notturno (Biblioteca Italiana Zanichelli) di

Raccolta di prose scritte durante la convalescenza di una ferita di guerra all'occhio, il Notturno, pubblicato nel 1921, riunisce impressioni, sensazioni e testimonianze di un D'Annunzio insolitamente costretto all'immobilità e alla solitudine. Temporaneo freno per l'uomo d'azione, l'esperienza della malattia agì come nuovo stimolo per lo scrittore che, nell'ambito di una forte sperimentazione ...

I grandi romanzi (eNewton Classici)

I grandi romanzi (eNewton Classici) di

• Il piacere• L’innocente• Trionfo della morte• Il fuocoA cura di Gianni OlivaSaggio introduttivo di Giovanni Antonucci e Gianni OlivaEdizioni integraliÈ forse con Il piacere, pubblicato nel 1889, che ha inizio il moderno romanzo italiano: con la vicenda degli amori del giovane aristocratico Andrea Sperelli, raffinato esteta, «tutto impregnato d’arte», avido di piacere, il decadentismo dannunzi...

L'innocente (I grandi romanzi)

L'innocente (I grandi romanzi) di

Crisi di una società, che, eticamente sguarnita, si avviava confusamente verso la belle époque e il successivo disastro dell’inutile strage. E quel tanto di rimorso o di smarrimento che sopravvive in Tullio-Gabriele, e che sparirà nel futuro Vate e Comandante, ci rende L’Innocente più avvincente e meno lontano.”– Pietro Gibellini

Il fuoco - Forse che sì forse che no (eNewton Classici)

Il fuoco - Forse che sì forse che no (eNewton Classici) di

A cura di Gianni OlivaSaggio introduttivo di Giovanni Antonucci e Gianni OlivaEdizioni integraliIn una Venezia misteriosa e incantevole Stelio Effrena e la Foscarina (in realtà D’Annunzio e la Duse) coltivano ne Il fuoco l’idea di un teatro liberato dalle convenzioni borghesi e restituito ai grandi spazi aperti (come nella tradizione greco-romana), in cui si coniugano parola, musica, danza e ca...

Isaotta Guttadàuro ed altre poesie

Isaotta Guttadàuro ed altre poesie di

Isaotta Guttadàuro ed altre poesie di Gabriele D'Annunzio

Notturno (BUR CLASSICI MODERNI)

Notturno (BUR CLASSICI MODERNI) di

Amore, morte e dolore sono i temi di questa intensa confessione lirica, scritta quando, in seguito a una grave ferita di guerra, D’Annunzio è costretto a indossare una benda su entrambi gli occhi, che lo condanna a una temporanea cecità e a una immobilità pressoché totale.Eppure il poeta non rinuncia a scrivere. In una sorta di divinazione, annota su sottili strisce di carta “visioni immense af...