Il Natale dei Beatles

Uno sguardo strano e curioso al pianeta Beatles, isolando una decina di storie vere, gioiose, drammatiche o buffe, ambientate nel cuore dell’inverno, dagli anni ‘50 alla fine dei ‘60. I Beatles che sgomitano come Quarrymen, che vengono espulsi dalla Germania perché non in regola con i permessi di lavoro, che il 1° gennaio 1962 tentano un provino con la Decca (bocciati!), che diventano famosi e per due Natali di fila organizzano un “Beatles Christmas Show” in cui cantano, suonano e recitano; che per la sera di Santo Stefano del 1967 girano un film TV che avrà un notevole e antipatico insuccesso, il “Magical Mystery Tour”.
Completa il libro una appendice con elenchi di canzoni natalizie eseguite dai quattro o a lorodedicate, il racconto dettagliato di come si svolgevano i “Christmas Show” e la descrizione degli appositi “Christmas Records” che i quattro ragazzi di Liverpool prepararono ogni anno per gli iscritti al loro fan club.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Renzo Stefanel

Anima Latina: Storia e cronistoria

Anima Latina: Storia e cronistoria di

Quanto sono durate effettivamente le sessions di registrazione di ANIMA LATINA? È davvero possibile che la sua lavorazione sia durata sei mesi? Qual è veramente il misterioso effetto per chitarra utilizzato da Lucio? Chi suona effettivamente la batteria nel disco? È vero che Ares Tavolazzi degli Area e Toni Esposito sono presenti nell’album, pur non accreditati? E chi è il misterioso Gneo Pompe...

Ancora sesso, droga e calci in bocca: Altre storie di rock maledetto (Vite spericolate Vol. 2)

Ancora sesso, droga e calci in bocca: Altre storie di rock maledetto (Vite spericolate Vol. 2) di

Che ci fa Mick Jagger nudo a letto con Brian Jones? No, cioè, Keith Richards? No, volevo dire, Eric Clapton? No, Mick Taylor?No, David Bowie? Oh, vabbè, ok… Dopo il primo fortunato volume, Ancora sesso, droga e calci in bocca: eh già, perché 38 storie non erano abbastanza, e non esaurivano certo la fame di vita, di vita vera, violenta, esagerata che il rock ha rappresentato per almeno quattro g...