Il trionfo dei nani

Il regno degli albi è caduto. Sulle sue ceneri, l'imperatore dei nani Boïndil ha dato ordine di piantare alberi sacri, affinché le radici sigillassero il male e proteggessero uomini, elfi e nani.
E così è stato per lungo tempo, fino al giorno dell'arrivo di Sha’taï. Sembra una giovane umana, eppure è stata trovata in territorio elfico e parla la lingua degli albi. Non ha nessun potere magico, ma è riuscita a sopravvivere nella Terra dell'Aldilà, un luogo selvaggio e pericoloso, da cui nemmeno i nani più valorosi hanno fatto ritorno. Inoltre, da quando è ospite presso la corte della regina degli uomini, una profonda crepa si è aperta nel bosco sacro che difende la Terra Nascosta e orde di albi inferociti hanno seminato il panico, giungendo perfino ad attentare alla vita della regina.
Possibile che quella ragazzina sia la causa di tutto? O forse è l'arma decisiva contro quell'oscura minaccia? Per la prima volta nella sua vita, Boïndil è divorato dai dubbi. Una sola cosa è certa: è giunto il momento di tornare a combattere…

La saga della Terra Nascosta

Le cinque stirpi
La guerra dei nani
La vendetta dei nani
Il destino dei nani
Il trionfo dei nani

Le leggende degli albi

La leggenda degli albi
La battaglia degli albi
Il cammino oscuro

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Markus Heitz

Il cammino oscuro - la vendetta degli albi: La saga degli Albi 3 (Narrativa Nord)

Il cammino oscuro - la vendetta degli albi: La saga degli Albi 3 (Narrativa Nord) di Markus Heitz Casa Editrice Nord

La Forra Oscura. È in quel luogo selvaggio e pericoloso, da cui nessuno è mai uscito vivo, che sono stati esiliati Sisaroth e Firûsha. Un tempo considerati tra gli albi più valorosi e stimati del regno, i figli del governatore dello Dsôn Sòmran sono stati accusati di omicidio e condannati a un destino peggiore della morte. Nessuno è riuscito a dimostrare la loro innocenza, eppure qualcuno è ...