Alfheim: Il dragone rosso di britanna

Inseguendo il mitico cernunnos, Arthun raggiunge Lundain, sul Tamigi. Rassicurato, vede le navi dei romani lasciare Pridein. È il tempo di Tethal e Teithrin, il quale ebbe tre figli: Teithfalt-Emrys, Meurig-Pendragon e Twerig. Ma, al fianco del buon Teithrin, si pone il traditore Vawr-Tigern.
Vedono la barbara invasione di juti e sassoni; vedono l’eccidio della Notte dei lunghi coltelli. Seguendo il proprio cervo banco, Arthun conosce il trionfo, il prodigio, la perdizione e la sconfitta. Corroborato da studio e ricerca, Il Dragone rosso di Britannia (primo volume della trilogia Alfheim) è storia, costume, tradizione, filosofia, miti, archeologia e, non meno importante, un’opera dai decisi contenuti educativi. Perché se ignora la propria provenienza, nessuna civiltà potrà mai comprendere la propria direzione.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Diletta Nespeca

Il Precipizio

Il Precipizio di

La perversione dell’animo umano è il cardine intorno al quale si articolano i gironi dell’inferno, quello sulla Terra. Sebbene, mentendo a sé stesso, Angel finga di non ricordare i motivi del suo “singolare mandato”, conosce bene i meccanismi di tale depravazione. Senza pietà, né “remissione di peccato”, Angel punirà coloro che riterrà corrotti, mentre la sua nuova veste di spietato vendicatore...