I Dieci Comandamenti (Seguitemi Vol. 6)

Compra su Amazon

I Dieci Comandamenti (Seguitemi Vol. 6)
Autore
Lamb Books
Editore
Lambbooks
Pubblicazione
24 ottobre 2016
Categorie
«Figli miei, la festa della Purificazione è ormai imminente ed Io, Luce del mondo, vi mando con quel Il primo lume della festa da cui trarrete fiamma per tutti gli altri: il Decalogo. Non vi è peccato che Dio non perdoni se il peccatore è realmente pentito, perché solo il Buonissimo può perdonare ciò che l'uomo non perdona. «Andate. La pace sia con voi».
« È il primo anno che non le vedo accendere nella mia casa, o che non le accendo».
«Sei un vecchio bambino! Accenderemo anche noi le lampade. Così non farai più quel viso imbronciato. E le accenderai proprio tu».
«Io? Io no, Signore. Tu sei il Capo della nostra famiglia. Spetta a Te accenderle».
«Io sono sempre una lampada accesa, Pietro. Lo sai che sono nato proprio il 25 di casleu?».
«Chissà quanti lumi, eh?»
«Non si potevano contare... Erano tutte le stelle del cielo...».
«No! Non ti hanno fatto festa a Nazaret?».
«Non sono nato a Nazaret. Ma in una stalla a Betlemme. Vedo che Giovanni ha saputo tacere. Giovanni è molto ubbidiente ».
«Racconterai tutto al tuo povero Simone? Se no, come faccio a parlare di Te?... Gli altri sono intelligenti, voglio dire i tuoi fratelli e Simone, Bartolomeo e Giuda di Simone. Sì, anche Tommaso e Matteo. Ma io!... Povero Simone di Giona! I pesci che ti hanno insegnato? E che il lago? Due cose...: i pesci a tacere e avere costanza. E il lago ad avere coraggio e occhio a tutto. E che la barca? A sgobbare senza risparmio di nessun muscolo e a stare ritti anche se le onde sono agitate e si rischia di cadere. Guardare la stella polare, tenere il timone con mano ferma, essere forti, coraggiosi, costanti, attenti, ecco ciò che mi ha insegnato la mia povera vita...».
«Non credi che questo sia molto, Simon Pietro? Hai tutto quanto serve ad essere la mia "pietra". Nulla va messo, nulla va tolto. Sarai il navigatore eterno, Simone. E a chi verrà dopo di te dirai: "Occhio alla stella polare: Gesù. Mano ferma al timone, forza, coraggio, costanza, attenzione, sgobbare senza risparmio, avere occhio a tutto, e sapere stare ritti anche su onde agitate...". Riguardo al silenzio... be’... i pesci non te lo hanno insegnato!».
«Ma per quello che dovrei saper dire sono più muto dei pesci... Anche le gazze possono blaterare come io faccio... Ma, dimmi, Maestro mio. Dai un figlio anche a me? Siamo vecchi... Ma Tu hai detto che il Battista nacque da una vecchia... Ora hai detto: "E a chi verrà dopo di te dirai..." Chi viene dopo un uomo se non il suo generato?».
«No, Pietro. E non te ne dolere. Sembri il tuo lago quando il sole è nascosto da una nube. Da ridente si fa cupo. No, mio Pietro. Ma non uno, ma mille e diecimila figli avrai, e in ogni nazione... Non ti ricordi quando ti ho detto: "Sarai pescatore d'uomini"?».
«Oh!... sì... ma... un bambino che mi chiamasse “padre” sarebbe così dolce! »
«Ne avrai tanti che non li potrai più contare. E ai quali darai la vita eterna. E li ritroverai in Cielo e me li porterai dicendo: "Ecco qui i figli del tuo Pietro e voglio che siano dove io sono", ed Io ti dirò: "Sì, Pietro. Come tu vuoi sia. Perché tu tutto hai fatto per Me ed Io tutto faccio per te"».
«Oh! Signore!», dice. «Ma per dare la vita eterna bisogna persuadere le anime al bene. E... siamo sempre lì: io non sono bravo a parlare».
«Saprai parlare, quando sarà l'ora, meglio di Gamaliele».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lamb Books

I Fiori Del Bene (Lazzaro Vol. 2)

I Fiori Del Bene (Lazzaro Vol. 2) di

«Pace a tutti voi», dice Gesù entrando nell'atrio folgorante di lumi di argento, tutti accesi. «Pace e benedizione a Te, Maestro, e molti anni di santa felicità». Si baciano. «Mi hanno detto certi nostri amici che Tu sei nato mentre Betlemme ardeva per una festa di Purificazione anni fa. Di averti questa sera noi ed essi giubiliamo. Non chiedi chi sono?» «Altri amici non ho, che non siano i di...

I Fiori Del Bene (Lazzaro Vol. 2)

I Fiori Del Bene (Lazzaro Vol. 2) di

«Pace a tutti voi», dice Gesù entrando nell'atrio folgorante di lumi di argento, tutti accesi. «Pace e benedizione a Te, Maestro, e molti anni di santa felicità». Si baciano. «Mi hanno detto certi nostri amici che Tu sei nato mentre Betlemme ardeva per una festa di Purificazione anni fa. Di averti questa sera noi ed essi giubiliamo. Non chiedi chi sono?» «Altri amici non ho, che non siano i di...

Il Collegio Apostolico (Seguitemi Vol. 4)

Il Collegio Apostolico (Seguitemi Vol. 4) di

"Sei già al lavoro?" "Eh! Noi pescatori dormiamo come i pesci: a qualsiasi ora, ma solo fin quando ci lasciano riposare. E ci si abitua. Stamattina ho sentito il cigolio della porta all'alba e ho detto: 'Simone, si è già alzata. Fai presto! Vai ad aiutarla con le tue mani forti.' Ho pensato che potesse essere preoccupata per i Suoi fiori in una notte così ventosa. E non mi sbagliavo. Eh! So co...

Il Collegio Apostolico (Seguitemi Vol. 4)

Il Collegio Apostolico (Seguitemi Vol. 4) di

"Sei già al lavoro?" "Eh! Noi pescatori dormiamo come i pesci: a qualsiasi ora, ma solo fin quando ci lasciano riposare. E ci si abitua. Stamattina ho sentito il cigolio della porta all'alba e ho detto: 'Simone, si è già alzata. Fai presto! Vai ad aiutarla con le tue mani forti.' Ho pensato che potesse essere preoccupata per i Suoi fiori in una notte così ventosa. E non mi sbagliavo. Eh! So co...

Il Capriccio Della Morale Di Corte (Claudia Procula Vol. 2)

Il Capriccio Della Morale Di Corte (Claudia Procula Vol. 2) di

«Salve, o Ennio! » «Salute, o Floro Tullio Cornelio! Salute o Marco Eracleo Flavio! » «Quando sei tornato? » «Affaticato, all’alba dell’altro ieri » «Tu affaticato? Quando mai sudi? » «Non deridermi, Floro Tullio Cornelio. Anche ora sto sudando per gli amici! » «Per gli amici? Non ti abbiamo chiesto fatiche » «Ma il mio amore pensa a voi. O crudeli che mi schernite, vedete questa processione ...

Il Capriccio Della Morale Di Corte (Claudia Procula Vol. 2)

Il Capriccio Della Morale Di Corte (Claudia Procula Vol. 2) di

«Salve, o Ennio! » «Salute, o Floro Tullio Cornelio! Salute o Marco Eracleo Flavio! » «Quando sei tornato? » «Affaticato, all’alba dell’altro ieri » «Tu affaticato? Quando mai sudi? » «Non deridermi, Floro Tullio Cornelio. Anche ora sto sudando per gli amici! » «Per gli amici? Non ti abbiamo chiesto fatiche » «Ma il mio amore pensa a voi. O crudeli che mi schernite, vedete questa processione ...