«Ti scrivo che ti amo»: 299 lettere d'amore italiane

Compra su Amazon

«Ti scrivo che ti amo»: 299 lettere d'amore italiane
Autore
Aa. Vv.
Editore
UTET
Pubblicazione
29 novembre 2016
Categorie
«Dopo una serata tristissima e dopo una notte quasi insonne, sono uscito stamane di casa alle nove e sono andato a vedere se tra la posta di quell’ora ci fosse la lettera desiderata ed aspettata con una così terribile ansietà. Non c’era», scrive un disperato Gabriele D’Annunzio a Barbara Leoni, e continua: «Se alle cinque non arrivasse la lettera? Se io rimanessi tutto il giorno senza sapere nulla di te? Sarebbe orribile. Io non ci posso pensare senza terrore.»
Le lettere del passato ci parlano d’amore in modi e toni spesso diversi dai nostri. Hanno presupposti ormai a noi sconosciuti: la distanza, il segreto, l’attesa. Per gli amanti lontani è il tentativo di mantenere vivo un legame sfidando i chilometri e i tempi lunghi delle poste; per gli amanti vicini la lettera è invece il luogo in cui si confessano le paure, i bisogni, ciò che un tempo a voce spesso non si poteva dire. Per entrambi, vicini e lontani, dilatava con dolcezza i ritmi della comunicazione e quelli propri dell’amore.
Di fronte alla pagina bianca, l’amore epistolare si concretizzava in parole capaci di tracciare ogni fase del rapporto, ogni sfumatura di un sentimento complesso e mutevole. Ci sono lettere che raccontano l’amore coniugale, a volte illuminandone le crepe in superficie; altre ci parlano di un amore che si ferma sulle soglie dell’amicizia, sublimandosi in stima e rispetto; ci sono poi quelle infiammate di passione o avvelenate dalla gelosia, quelle dolorose della rinuncia, dell’abbandono, del distacco. Ciascuna è unica e singolare, rivelatrice: il prodotto inimitabile dell’incontro di due vite.
Guido Davico Bonino ci guida fra i meccanismi del sentimento amoroso sfruttando lo sterminato patrimonio di lettere di grandi personaggi italiani: nomi celebri come Luigi Pirandello, Giacomo Leopardi e Grazia Deledda o meno noti ma preziosi come Andrea Calmo e Cassandra Fedele, lettere di scrittrici e scrittori ma anche di politici e partigiani, compositori, cantanti e pittori.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Aa. Vv.

Garibaldi - Vita pensiero interpretazioni: Dizionario Critico (Storia e memoria)

Garibaldi - Vita pensiero interpretazioni: Dizionario Critico (Storia e memoria) di

Quest'opera non è un dizionario nel senso tradizionale del termine. Non pretende di presentare l'intero, e per certi aspetti, inesauribile universo garibaldino. Come sarebbe possibile infatti ridurre un personaggio cosí ricco e complesso, per tanti versi cosí esorbitante - tante volte raccontato, oggetto dei giudizi e dei commenti più diversificati - nelle pagine di un dizionario? Questo è un r...

La Mala Informaciòn. Il male del nostro tempo raccontato da nove corrosivi comedian (-)

La Mala Informaciòn. Il male del nostro tempo raccontato da nove corrosivi comedian (-) di

Ha ragione Antonio Rezza, comedian sperimentale senza eguali, quando afferma che "il problema dei giornali è che sono scritti da chi non ha mai letto un lettore". Ma la cattiva informazione in Italia si manifesta in molte forme: con il servilismo cialtrone, con il filtro delle notizie, con la manipolazione strisciante, con la censura, con la contro-informazione da Grande Fratello (quello vero)....

Il Casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro (Fatti & misfatti)

Il Casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro (Fatti & misfatti) di

Uno spaccato dell’Italia di Berlusconi; della politica senza passato e dall’incerto futuro. E da filo conduttore all’ultimo ventennio di storia politica dell’Italia, le tante - forse troppe - coincidenze che hanno scandito un’altra significativa storia: quella di Nicola Cosentino, il potente coordinatore del Pdl della Campania, ed ex sottosegretario all’Economia con delega alla Programmazione E...

Quello che le donne (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 60)

Quello che le donne (Einaudi tascabili. Biblioteca Vol. 60) di

«Col cuore, io mi trovo legata a tutte le donne, anche quelle che mi sembrano le piú opposte a me, se appena mi dico che ognuna ha sofferto o soffrirà, ha nutrito un sentimento, ha provato la gioia di un sorriso ricambiato o l'angoscia d'una solitudine». Sibilla Aleramo

La macchina della morte: Un mondo in cui le persone sanno di che morte morire (Guanda Narrativa)

La macchina della morte: Un mondo in cui le persone sanno di che morte morire (Guanda Narrativa) di

La macchina è stata inventata quasi per caso qualche anno fa. Con un semplice esame del sangue sa predire il modo in cui lasceremo questo mondo. Nessuna data. Nessun dettaglio. Solo un foglietto di carta con poche parole, insieme precise e insopportabilmente vaghe. Un oracolo infallibile, criptico e beffardo. Spaziando dall'umorismo alla fantascienza, dall'horror all'avventura, trentaquattro ra...

Parlami d'amore

Parlami d'amore di

Una piccola antologia di aforismi, poesie, frasi celebri scelte fra le più belle di tutti i tempi, dalla letteratura greca fino al cinema contemporaneo.