Dopo il divorzio: (Naufraghi in porto) (Le Grazie)

Compra su Amazon

Dopo il divorzio: (Naufraghi in porto) (Le Grazie)
Autore
Grazia Deledda
Editore
NOR
Pubblicazione
20/11/2016
Categorie
Il romanzo, pubblicato nel 1902, presenta tratti di straordinaria modernità per il lettore del terzo millennio. Nel 1920 fu pubblicata una seconda edizione col titolo "Naufraghi in porto".
Il divorzio non è l’unico “oggetto” del romanzo; la “roba” è un altro, e articola una “morale del possesso”, parallela ma non del tutto estranea a quella del matrimonio. La protagonista, Giovanna, accetta di divorziare alla luce dell’argomentazione materna che è basata sull’acquisizione di beni materiali. Anche a Costantino viene presentata una logica di rassegnazione per la perdita di Giovanna cui non è estraneo il calcolo della proprietà.
Il tema della “roba” si intreccia a quello dell’amministrazione della giustizia in una fiera denuncia del sopruso sociale perpetrato contro gli oppressi, perdenti in partenza, perché poveri.
La voce narrante non prende posizione rispetto al narrato, non parteggia per alcun personaggio a scapito di altri. La rappresentazione narrativa rimane quindi aperta, irrisolta.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Grazia Deledda

CANNE AL VENTO (NARRATIVA ITALIANA Vol. 1)

CANNE AL VENTO (NARRATIVA ITALIANA Vol. 1) di

Tutto il giorno Efix, il servo delle dame Pintor, avevalavorato a rinforzare l'argine primitivo da lui stessocostruito un po' per volta a furia d'anni e di fatica, giú infondo al poderetto lungo il fiume: e al cader della seracontemplava la sua opera dall'alto, seduto davanti allacapanna sotto il ciglione glauco di canne a mezza costasulla bianca collina dei Colombi.Eccolo tutto ai suoi piedi, ...

Canne al vento

Canne al vento di

Canne al vento (1913), forse il romanzo più noto di Grazia Deledda, denuncia l'ineluttabile fragilità dell'uomo travolto da una sorte cieca e spietataNelle opere di Grazia Deledda predominano i sentimenti forti dell'amore e del dolore, mentre una tematica ricorrente è l'amara consapevolezza dell'ineluttabilità del destino. Una straordinaria consonanza fra personaggi e luoghi, fra lo stato d'ani...

Anime oneste

Anime oneste di

Questo libro ha una tabella di materiali dinamici , è stato rivisto e corretto . E 'perfettamente formattata per la riproduzione su luce di lettura elettronica . Estratto : Con queste malinconie per il capo, e l’avversione che me n’è nata per romanzi e novelle, che autorità avrei avuto a scrivere della sua? Pure, l’averla lei mi ha invogliato a leggerla; e mi son compiaciuto a leggerla. Dopo ...

Il Natale del Consigliere

Il Natale del Consigliere di

Questa breve silloge di racconti ("Il Natale del consigliere", "Il dono di Natale", "Il vecchio Moisè") propone tre "storie natalizie" poco note - se non introvabili - della grande scrittrice sarda (premio Nobel 1926), pubblicate tra il 1909 e il 1930, vale a dire nel ventennio più fecondo della sua attività, quando Grazia Deledda, ormai pienamente padrona dei propri mezzi, studia e assimila in...

Racconti di Natale

Racconti di Natale di

Evviva! Arriva Natale! Esiste una festa più bella?Ci sono le vacanze e le grandi riunioni di famiglia, i regali che è bello aspettare oltreché ricevere, i giochi insieme agli amici e ai parenti e qualche storia sui Natali di un tempo che nonni e zii raccontano con un po' di nostalgia. Anche i grandi autori della letteratura italiana raccolti in questo volume ci raccontano il Natale di un tempo ...

Il Dio dei viventi

Il Dio dei viventi di

«Il Giudizio Universale è sulla terra a tutte le ore e Dio non è il Dio dei morti ma il Dio dei viventi»: è qui che la tematica etico-morale, così forte nella poetica deleddiana da impostarne per buona parte la decodificazione, partendo dall'espediente narrativo di una eredità contestata, trova mirabile espressione letteraria.Ingiustamente trascurato da critici e lettori, un romanzo che è degno...