Cenere (Le Grazie)

Compra su Amazon

Cenere (Le Grazie)
Autore
Grazia Deledda
Editore
NOR
Pubblicazione
19 novembre 2016
Categorie
Una giovane donna, sedotta e abbandonata, viene cacciata di casa dal padre quando viene a conoscenza della sua maternità. Dopo aver abbandonato il figlio, all’età di otto anni, davanti all’abitazione del padre naturale, fa sparire ogni traccia di sé. Il bambino verrà accettato e allevato amorevolmente nella casa paterna dalla madre adottiva. Il destino di Anania sarà comunque segnato dall’ossessiva ricerca della madre, disprezzata e amata. La ritroverà, ridotta alla fame e segnata da una vita disonesta, e tenterà di legarla a se come se entrambi dovessero espiare una pena comune. Sarà la madre a porre fine all’insana ossessione del figlio, arrivando all’estremo sacrificio per liberarlo dalla condanna che volle auto infliggersi di fronte al mondo, all’amore e alla felicità.
Cenere, scritto nel 1904, fa parte dei romanzi della maturità artistica della Deledda. In esso sono presenti tutti gli elementi che l’hanno resa famosa e meritevole del Nobel, primo fra tutti il perfetto compenetrarsi tra i personaggi, con i loro caratteri singolari, e il paesaggio sardo magnificamente descritto. Dal romanzo, nel 1916, fu tratto un film interpretato da Eleonora Duse con la regia di Fabio Mari.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Grazia Deledda

Racconti di Natale

Racconti di Natale di

Evviva! Arriva Natale! Esiste una festa più bella?Ci sono le vacanze e le grandi riunioni di famiglia, i regali che è bello aspettare oltreché ricevere, i giochi insieme agli amici e ai parenti e qualche storia sui Natali di un tempo che nonni e zii raccontano con un po' di nostalgia. Anche i grandi autori della letteratura italiana raccolti in questo volume ci raccontano il Natale di un tempo ...

Il Dio dei viventi

Il Dio dei viventi di

«Il Giudizio Universale è sulla terra a tutte le ore e Dio non è il Dio dei morti ma il Dio dei viventi»: è qui che la tematica etico-morale, così forte nella poetica deleddiana da impostarne per buona parte la decodificazione, partendo dall'espediente narrativo di una eredità contestata, trova mirabile espressione letteraria.Ingiustamente trascurato da critici e lettori, un romanzo che è degno...

Le colpe altrui: Romanzo

Le colpe altrui: Romanzo di

[...] ricordarmi i peccati principali, dite voi? E chi se li ricorda? Tutti, li ho commessi, grandi e piccoli; li sento qui, sulla testa, pesanti come pietre. Ma dell'esistenza di Dio non ho mai dubitato, che egli mi castighi se mentisco, che egli mi castighi nell'altra vita come mi ha castigato in questa... Dopo che egli ebbe confessate tutte le mancanze contro i Comandamenti, il frate disse s...

Marianna Sirca (nuovi E classici)

Marianna Sirca (nuovi E classici) di

Marianna è stata posta al servizio del vecchio zio ricco dal padre ambizioso. Ha sacrificato la propria giovinezza accudendo l'infermo, senza protestare. Ora però che lo zio è morto, lasciandola erede universale delle sue sostanze, vorrebbe cominciare a vivere. È durante un periodo di riposo presso la sua fattoria in montagna che conosce Simone, il giovane bandito dagli occhi tenebrosi di cui s...

Deledda. Racconti sardi (LeggereGiovane)

Deledda. Racconti sardi (LeggereGiovane) di

I suoi numerosissimi scritti, ispirati alla vita agro-pastorale della Barbagia le diedero larga fama in Italia e all’estero. Fu in corrispondenza con i maggiori scrittori dell’epoca. Ottenne nel 1926 il premio Nobel per la letteratura. I suoi romanzi, tradotti in moltissime lingue, l’hanno fatta considerare la maggiore espressione della letteratura sarda del 1900.

Nel deserto

Nel deserto di

Un palmizio le cui foglie sembravano lame di spade arrugginite dal vento marino, sorgeva tra l'ultima casetta del villaggio e la landa che finiva col mare.Il villaggio pareva disabitato, e ad accrescere quest'impressione non mancavano qua e là alcune rovine coperte di musco giallastro e popolato di lucertole. Anche i muri della casetta del palmizio e quelli del cortile che la fiancheggiava, si ...