LISISTRATA

Compra su Amazon

LISISTRATA
Autore
Aristofane
Editore
Editorial Axioma
Pubblicazione
16 novembre 2016
Categorie
Lisistrata, donna ateniese, convoca numerose donne di Atene e altre città, tra cui la spartana Lampitò, per discutere un importante problema. A causa della guerra del Peloponneso, infatti, gli uomini delle poleis greche sono perennemente impegnati nell'esercito e non hanno più il tempo di stare con le loro famiglie. Lisistrata propone allora alle altre donne di fare uno sciopero del sesso: finché gli uomini non firmeranno la pace, esse si rifiuteranno di avere rapporti sessuali con loro. Dopo un momento di sbigottimento e di rifiuto, le donne si dicono favorevoli al piano e fanno un giuramento.

A quel punto, le donne occupano l'acropoli ateniese, allo scopo di privare gli uomini dei mezzi finanziari per proseguire la guerra. Arriva il coro di vecchi ateniesi (uno dei due semicori della commedia) che vorrebbe, per vendetta, incendiare l'acropoli stessa, ma viene fermato dal coro delle vecchie (l'altro semicoro). Gli uomini mandano allora un commissario per trattare con le donne, ma Lisistrata ne smaschera l'ignoranza e la poca comprensione delle vicende che stanno accadendo. Peraltro, le donne hanno molta difficoltà a mantenere il patto e inventano varie scuse per tornare a casa dai mariti; Lisistrata deve penare non poco per impedir loro di lasciare l'acropoli. Concede solo a Mirrina la possibilità di incontrare il marito Cinesia, ma lo scopo è solo quello di stimolare le voglie dell'uomo, per poi lasciarlo con un palmo di naso. Mirrina svolge alla perfezione il suo compito: fa credere al marito di essere pronta all'atto sessuale, ma poi, dopo varie dilazioni, scappa lasciandolo insoddisfatto.....

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Aristofane

Le Vespe

Le Vespe di

Le vespe è una commedia di Aristofane, commediografo greco antico vissuto circa fra il 450 a.C. e il 388 a.C.Narra la storia di Filocleone, un vecchio affetto dalla mania di partecipare ai processi come giudice popolare. Il figlio Bdelicleone decide di rinchiuderlo in casa, per evitare che il vecchio possa correre in tribunale e passare lì tutto il giorno. Allora Filocleone, dopo aver tentato i...

Gli uccelli

Gli uccelli di

Aristofane è un grandissimo commediografo greco antico, uno dei principali esponenti della Commedia antica vissuto circa fra 450 a.C. e il 388 a.C.: fra le sue commedie che ci sono pervenute, tutte molto divertenti e attuali, Gli uccelli è una delle più note.Nella commedia due ateniesi, disgustati dal comportamento dei loro concittadini, decidono di lasciare la città per cercarne un’altra dove ...

Pluto

Pluto di

"Pluto" è una commedia di Aristofane, andata in scena per la prima volta ad Atene, alle Lenee del 388 a.C.Aristofane (Atene, 450 a.C. circa – 385 a.C. circa), è stato un commediografo greco antico, uno dei principali esponenti della Commedia antica (l’Archaia) insieme a Cratino ed Eupoli, nonché l'unico di cui ci siano pervenute alcune opere complete (undici).Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Le donne al Parlamento

Le donne al Parlamento di

"Le donne al Parlamento" è una commedia di Aristofane andata in scena per la prima volta ad Atene nel 391 a.C.Aristofane (Atene, 450 a.C. circa – 385 a.C. circa), è stato un commediografo greco antico, uno dei principali esponenti della Commedia antica (l’Archaia) insieme a Cratino ed Eupoli, nonché l'unico di cui ci siano pervenute alcune opere complete (undici).Traduzione a cura di Ettore Rom...

Le vespe

Le vespe di

"Le vespe" è una commedia di Aristofane rappresentata per la prima volta alle Lenee del 422 a.C. Aristofane (Atene, 450 a.C. circa – 385 a.C. circa), è stato un commediografo greco antico, uno dei principali esponenti della Commedia antica (l’Archaia) insieme a Cratino ed Eupoli, nonché l'unico di cui ci siano pervenute alcune opere complete (undici).Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Gli uccelli

Gli uccelli di

"Gli uccelli" è il titolo di una commedia dell'autore greco Aristofane, messa in scena per la prima volta alle Grandi Dionisie del 414 a.C., dove ottenne il secondo posto.Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.È considerato, insieme ad Eschilo e Sofocle, uno dei maggiori poeti tragici greci.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.