Attraversare i muri: Un’autobiografia

Compra su Amazon

Attraversare i muri: Un’autobiografia
Autore
Marina Abramović
Editore
Bompiani
Pubblicazione
24 novembre 2016
Valutazione
(1)
Categorie
Nel 2010, in occasione della retrospettiva che il MoMA dedicò a Marina Abramovic ́, più di 750mila persone aspettarono in fila fuori dal museo per avere la possibilità di sedersi di fronte all’artista e di comunicare con lei senza dire una parola, in una performance senza precedenti durata più di settecento ore. Una celebrazione di quasi cinquant’anni di performance art rivoluzionaria. Figlia di genitori comunisti, eroi di guerra sotto il regime di Tito nella Jugoslavia postbellica, Marina Abramovic ́ fu cresciuta secondo una ferrea etica del lavoro. Agli esordi della sua carriera artistica internazionale viveva ancora con la madre e sotto il suo totale controllo, obbedendo a un rigido coprifuoco che la costringeva a rincasare entro le dieci di sera. Ma nulla poté placare la sua insaziabile curiosità, il suo desiderio di entrare in contatto con la gente e il suo senso dell’umorismo. Tutto ciò che ancora oggi la contraddistingue e dà forma alla sua vita. Al cuore di Attraversare i muri c’è la storia d’amore con il collega perfomance artist Ulay: una relazione sentimentale e professionale durata dodici anni, molti dei quali passati a bordo di un furgone viaggiando attraverso l’Europa, senza un soldo. Un legame che arrivò al drammatico epilogo sulla Grande Muraglia cinese.
La storia di Marina Abramovic ́, commovente, epica e ironica, parla di un’incomparabile carriera artistica che spinge il corpo oltre i limiti della paura, del dolore, dello sfinimento e del pericolo, in una ricerca assoluta della trasformazione emotiva e spirituale. Esso stesso straordinaria performance, Attraversare i muri è la rappresentazione vivida e potente della vita di un’artista eccezionale.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Attraversare i muriMangialibri

La Jugoslavia comunista post-bellica è un luogo oscuro. “Più famiglie vivono nello stesso appartamento, in condomini privi di qualsiasi estetica. Una continua carenza di ogni cosa e grigiore ovunque”. È qui che nasce Marina Abramović, figlia di ex eroi di guerra diventati poi membri di rilievo di quel partito comunista che esprime come leader nel paese il maresciallo Tito. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.