Pensavo di non credere

Il racconto di una vita, di emozioni, di incontri e di scontri. Il libro racconta gli eventi attraverso le emozioni e le relazioni umane, non è una narrazione che segue una cronologia. è un viaggio in un’esperienza personale con cui confrontare idee e sentimenti. L’ostilità giovanile verso il perbenismo cattolico e i formalismi spesso associati al mondo clericale portano al convinto rifiuto, da parte dell’autore, del mondo della fede che costituisce il punto di partenza per affrontare una vita il cui centro di gravità è sempre il razionalismo. Il cammino progredisce con una molteplicità di situazioni. Improvvisamente dopo quaranta anni improntati a logica e scetticismo, l’incontro con la fede. La risposta finale è una sintesi personale dell’autore alle tante domande contemporanee. Ma anche la posizione conclusiva è un tentativo di dare risposte coerenti alle tante domande che la vita ci pone innanzi senza rifugiarsi, ancora una volta, in un mondo che tende ad uniformare e standardizzare.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giuseppe Lo Bianco

Profondo nero (Chiarelettere)

Profondo nero (Chiarelettere) di

Eccolo il mistero italiano. Il giornalista De Mauro e lo scrittore Pasolini avevano in mano le informazioni giuste per raccontare la verità sul volto oscuro del potere in Italia, con nomi e cognomi.Erano gli anni Settanta.Il primo stava preparando la sceneggiatura del film di Francesco Rosi sulla morte di Enrico Mattei, il presidente dell’Eni che osò sfidare le compagnie petrolifere internazion...

L'agenda rossa di Paolo Borsellino (Chiarelettere)

L'agenda rossa di Paolo Borsellino (Chiarelettere) di

Molto è stato detto per celebrare la figura eroica di Paolo Borsellino. Molto poco invece si sa degli ultimi 56 giorni della sua vita, dalla strage di Capaci all’esplosione di via D’Amelio, quando qualcuno decide la sua condanna a morte.Lo Bianco e Rizza ricostruiscono quei giorni drammatici con l’aiuto delle carte giudiziarie, le testimonianze di pentiti ed ex colleghi magistrati, le confidenz...

L'agenda nera (Chiarelettere)

L'agenda nera (Chiarelettere) di

La verità su via D’Amelio è ancora lontana perché è stata insabbiata. Un falso pentito ha retto ben sei processi e due sentenze della Suprema corte. Perché? Com’è possibile che investigatori considerati pilastri dell’antimafia abbiano dato credito a un’assurdità così clamorosa? Lo Bianco e Rizza ce lo raccontano fotografando questi ultimi 18 anni di complici mistificazioni.L’AGENDA NERA si apre...