Le Cronache di Ràvanphis - 01: L'isola nera - I

Le Cronache di Ràvanphis -

Libro I - Ilphasar
(i libri -- II Tyrnémos -- & -- III Lo scontro dei Totem -- si trovano nell'edizione completa 3 libri)

SINOSSI *** Attenzione Spoiler ***

Il mondo di Ràvanphis è profondamente diviso dal mare e da insormontabili montagne.
Pharados, un uomo dai poteri quasi divini e mosso dal rancore più profondo, viene cacciato dal luogo in cui è nato fino ad arrivare ad una terra lontana, dove non può essere ostacolato e sulla quale costituisce il proprio impero. La crudeltà e il potere dei suoi discendenti si affievolisce con il passare dei secoli, fino al giorno in cui uno di questi, l'imperatore Tusna, inizia a comprendere quanto gli è stato segretamente tramandato e il desiderio di vendetta all'interno della propria essenza.
Un uomo coraggioso, Farthan, accompagnato da Kalatur, uno strano e misterioso criminale che lui considera come la propria nemesi, partiranno per volere di Tusna alla volta di Tyrnémos, le terre ad ovest dell'impero oltre un grande mare; tanto lontane da essere sconosciute agli abitanti dell'impero e cariche di una magia che tutti credono inesistente.
Ma Tyrnémos si rivelerà il luogo peggiore nel quale potessero capitare; l'influenza degli antichi poteri di quelle terre, le sue maledizioni e un terribile esercito nero, si riveleranno tanto forti da rendere la sorte di ogni suo abitante, o viaggiatore, una continua sfida contro l'orribile e mortale natura di quei luoghi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alessandro Bugliazzini

LE CRONACHE DI RÀVANPHIS: L'ISOLA NERA

LE CRONACHE DI RÀVANPHIS: L'ISOLA NERA di

Dalla quarta di copertina: …”Non si curò oltre di quei pensieri e si rivolse ancora a Farthan fissandolo. «I miei errori e la mia superbia sono già parte del mio castigo.» poi guardò tutti quelli che gli erano attorno, «Ogni giorno la mia anima piange per la morte degli uomini di Sacni e di questa città, per coloro che mi erano vicini e per chi non ho mai conosciuto. Le mie colpe non passerann...