Noa

Come la realtà che così genialmente rappresenta, anche Stefano Andrini non è folle. È imprevedibile. E questo racconto sfugge ai soliti tentativi di classificazione. È una sorta di leopardiano Paralipomeni alla Batracomiomachia, che amalgama realismo e surrealismo, passato e contemporaneità, uomini e castori, disfatta e speranza. Dove le sorti dell’Emilia Romagna, ma in realtà del mondo intero, sono in mano a personaggi (casualmente?) femminili: da una presidentessa americana dal nome quanto mai tendenzioso di Himmary a Castoro De’ Boschi, che altrettanto tendenziosamente si scopre essere un animale, appunto, femmina; sino all’ispettore, ma in realtà ispettrice, Natiseau. Il salvatore del mondo, però, è un bambino che piange in lontananza.
(Dall’introduzione di Alberto Scotti)

Visti dall’alto i castori al soldo della signora del male somigliavano all’esercito di Orchi di Saruman. Brutti, sporchi, cattivi. Nulla a che vedere con le simpatiche e operose bestiole raccontate dal National Geographic oppure cristallizzate in un peluche dalle fabbriche di giocattoli.
La loro padrona nel corso del raduno a San Pancrazio era stata molto chiara. Citando Il mondo nuovo di Huxley aveva detto: “La dittatura perfetta avrà sembianza di democrazia. Una Prigione senza muri nella quale i prigionieri non sogneranno di fuggire. Un sistema di schiavitù dove, grazie al consumo e al divertimento, gli schiavi ameranno la loro schiavitù”.

* Il libro contiene come bonus track un racconto di Gianni Varani.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Stefano Andrini

Te Reo

Te Reo di

Un thriller fantapolitico in riva all'Adriatico. Un tourbillon di personaggi, di ammazzati (qualcuno, fortunatamente, solo apparente), di vertiginosi cambi di scena e di ruoli. In Te Reo, titolo allegramente rubato alla lingua maori, appaiono e scompaiono Obama e Putin, il malvagio grande vecchio Sepolcro Imbiancato e il mago Flemma, il saggio giapponese Jan'ni Vuarano e la sfoglina bolognese A...