Il respiro della laguna

Damiano Zaguri, capo della squadra Anticrimine di Venezia, viene svegliato in piena notte: in fondamenta San Trovaso un uomo è stato ucciso, un neonato - suo figlio - rapito dalla culla. All'apparenza non vi è alcun movente: la famiglia è abbiente ma non ricca, impensabile un riscatto, né si può immaginare un regolamento di conti. Il padre del bambino è stato ammazzato per sbaglio: se non avesse sorpreso il rapitore, ne sarebbe uscito incolume.
Indagando fra gli informatori della malavita nella Baia del Re, Zaguri segue le tracce del criminale e dei suoi mandanti: è una corsa contro il tempo, e una personalissima sfida con un suo lontano antenato, Signore di Notte nella Venezia del Seicento, che si lasciò sfuggire i colpevoli della sparizione del piccolo erede di una contessa. A mettere Zaguri sulla giusta strada sarà un talismano, non unico elemento magico in una Venezia nebbiosa e palpitante, la cui laguna, secondo un'antica leggenda, sembra in grado di esprimere funesti presagi ingrossando le sue acque.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alberto Ongaro

L'ombra abitata (ORIGINALS)

L'ombra abitata (ORIGINALS) di

L'istantanea di un famoso fotografo esposta in una mostra londinese immortala una ragazza e un ragazzo seduti al tavolo di un bistrot parigino nel maggio del '58. Un gioco di luci e ombre impedisce al visitatore, un mercante d'arte africana e oceanica, di vedere chiaramente i visi dei due giovani. Lei di spalle protesa il più possibile verso il giovane, nel tentativo di dargli un bacio, e lui q...