Il sapore del freddo

Il cadavere di una giovane donna, Anna Reggiani, studentessa e figlia unica di un noto imprenditore, è appeso per i piedi alla Parléra, la loggetta dell'Arengario, edificio storico simbolo del passato medioevale di Monza. Alla diciannovenne, nuda, sono state amputate entrambe le mani, finite chissà dove. E' il brutale incipit della caccia serrata a un assassino intelligente e misterioso, amante della rappresentazione scenica macabra e abile nell'agitare le acque e gettare gli inquirenti nella totale confusione. Sulle sue tracce si mette da subito il giornalista Filippo Corti, trentanovenne caporedattore della nera del quotidiano locale La Gazzetta. Suo prezioso alleato e confidente è il testardo commissario Franco Crespi, un poliziotto dal carattere burbero e dai solidi principi etici. La domanda fondamentale è: si tratta di un solo colpevole o di più assassini? Corti cerca una risposta sempre più difficile da trovare: infatti, la scia di sangue prosegue e dopo Anna Reggiani altre giovani donne vengono uccise e mutilate. I cittadini di Monza e dell'intera Brianza osservano attoniti e impotenti l'aggravarsi della tragica vicenda che sembra intaccare nel profondo le fondamenta del vivere civile e la pace sociale. Segreti e passioni inconfessabili, vizi e illegalità emergono dal buio in cui il perbenismo e la gestione spudorata del potere li hanno seppelliti. Fa freddo e l'inverno avvolge tutto e tutti con un manto di gelida indifferenza. Per scoprire la verità, a Filippo Corti serviranno coraggio e talento, fiducia e determinazione. Senza sconti, nemmeno alla propria coscienza.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Fabio Basilico

Il Teatro dell'Estremo: Soggettivazione e oggettivazione nella dimensione artificiale della rappresentazione scenica

Il Teatro dell'Estremo: Soggettivazione e oggettivazione nella dimensione artificiale della rappresentazione scenica di Fabio Basilico

Se il teatro è strutturalmente legato al vincolo culturale della necessità biologica, le sue parti fenomeniche sono oggetto di studio di una possibile e auspicabile scienza del teatro. Da qui parte l’Autore di questo saggio di teorizzazione teatrale nell’esporre il percorso interpretativo del Teatro dell’Estremo, in cui soggettivazione e oggettivazione sono elementi guida che spiegano, con ...