Il segno dei quattro

“Il segno dei quattro”, secondo romanzo di Arthur Conan Doyle sulle inchieste del più famoso detective di tutti i tempi, rappresenta il momento in cui la saga più fortunata e immarcescibile della letteratura popolare raggiunge la sua maturità, un importante passaggio verso l’evoluzione di Holmes a icona culturale planetaria (è in queste pagine che troviamo l’enunciazione della sua memorabile regola “Quando hai escluso l’impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile, deve essere la verità”).
La trama, comprensiva di un antesignano del delitto in una camera chiusa, procede ingegnosa e spedita sino all’ultimo capitolo, senza le lunghe pause dedicate agli antefatti tipiche della letteratura poliziesca dell’epoca; il personaggio di Sherlock Holmes diventa sempre più sfaccettato e umano tra crisi maniaco-depressive e dipendenza dalla cocaina in soluzione al 7 per cento; e anche il dottor Watson esce dal ruolo di semplice narratore per diventare protagonista a pieno titolo (è qui che conosce l’amata Mary). Per questo “Il segno dei quattro” è, assieme al “Mastino dei Baskerville”, il romanzo su Sherlock Holmes più amato dai milioni di appassionati del detective di Baker Street, una legione che si rinnova generazione dopo generazione grazie alla maestria narrativa di Doyle ma anche sulla scia delle infinite e sempre fortunate trasposizioni cinematografiche e televisive.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Arthur Conan Doyle

L'abisso di Maracot

L'abisso di Maracot di

Nella fossa di Maracot una spedizione sottomarina trova i resti di un'antica civiltà preistorica. È forse la mitica Atlantide? Un avventuroso Conan Doyle inedito per il lettore italiano.

Sherlock Holmes - Mistero nell'antico college

Sherlock Holmes - Mistero nell'antico college di

Ogni tanto anche Sherlock Holmes e il dottor Watson vanno vacanza, anche se il soggiorno fuori Londra è legato a motivi di studio. Si tratta, infatti, di un periodo dedicato a ricerche storiche e riposo in una località che ospita una famosa Università inglese. E’ un college antichissimo, uno dei più importanti del Regno Unito, un luogo mai sfiorato da scandali e vicende poco chiare. E invece ...

Le avventure di Sherlock Holmes: Ediz. integrale (Grandi classici)

Le avventure di Sherlock Holmes: Ediz. integrale (Grandi classici) di

In questa selezione di racconti (Uno scandalo in Boemia - La lega dei Capelli Rossi - Un caso di identità - Il mistero di Boscombe Valley - I cinque semi d’arancio - L’uomo dal labbro spaccato - L’avventura del carbonchio azzurro - L’avventura della fascia maculata - L’avventura del pollice dell’ingegnere - L’avventura del nobile scapolo - L’avventura del diadema di berilli - L’avventura dei Fa...

Sherlock Holmes - L'uomo scimmia

Sherlock Holmes - L'uomo scimmia di

Tra tutti i casi in un cui è incappato il brillante Sherlock Holmes, questo è certamente uno dei più oscuri e spaventosi. La vicenda su cui è incaricato di indagare è quasi soprannaturale. Nemmeno il Dottor Watson, il fidato collaboratore dell’eccellente investigatore, ha mai sentito o letto nei suoi trattati di medicina che un essere umano possa subire mutazioni fisiche e di indole come quelle...

Il gatto brasiliano e altri racconti

Il gatto brasiliano e altri racconti di

Dall’autore di Sherlock Holmes, Sir ARTHUR CONAN DOYLE, una raccolta del mistero da leggere rigorosamente a lume di candela. Nel primo racconto, “IL GATTO BRASILIANO”, si narrano le vicende del giovane Marshall King, che ormai pressato dai debiti, decide di far visita al ricco cugino appena tornato dal Brasile, paese dal quale ha riportato svariati animali esotici: tra di essi vi è un raro es...

Uno studio in rosso

Uno studio in rosso di

Pubblicato nel 1887, Uno studio in rosso è il primo romanzo (di quattro) in cui compare a tutto tondo il personaggio di Sherlock Holmes. Affiancato dal medico John Watson, congedato dall’esercito per una ferita, l’investigatore inglese si contraddistingue per le straordinarie competenze in chimica e anatomia e l’incredibile capacità deduttiva, messa in atto a partire da pochi particolari fisici...