L'uomo che ingannò la polizia di frontiera

Ne L’uomo che ingannò la polizia di frontiera Octavio, il protagonista, dopo aver rocambolescamente oltrepassato la frontiera con un espediente che si fa gioco del rigore della polizia di frontiera americana, ricevuto il suo imprinting statunitense prima a Los Angeles e poi a San Francisco, approda finalmente in quella Nueva York che contribuirà alla sua definitiva territorializzazione. Nel riferirci la costruzione di questo processo, Quesada attinge a piene mani alle sue abilità di narratore di razza e, con un’efficacia pari a quella di un sociologo, si inventa la più completa delle fusioni possibili fra un individuo e uno spazio identitario metropolitano. Lasciamo che sia il lettore a scoprire come ciò avvenga. Lasciamo che sia il lettore italiano a provare il piacere di scoprire qui una delle voci più suggestive e innovative del panorama narrativo ispanoamericano. (MARCO OTTAIANO Università degli studi di Napoli "L'Orientale"

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo