I giuochi della vita (Le Grazie)

Compra su Amazon

I giuochi della vita (Le Grazie)
Autore
Grazia Deledda
Editore
NOR
Pubblicazione
17/12/2016
Categorie
La raccolta comprende dodici novelle scritte e pubblicate fra il 1901 e il 1905. Nove sono di argomento sardo; una è ambientata in una famiglia di ricchi proprietari padani; e due ritraggono un ambiente piccolo-borghese. Insieme rappresentano uno spaccato di vita cittadina e paesana, in un ampio orizzonte geografico da cui risulta l’impatto fra differenti mentalità, aspirazioni, comportamenti e tenore di vita.
C’è uno snellimento della trama nella contrazione del tempo della storia: episodi di breve durata che talvolta si risolvono nello spazio di una scena o di un sogno e portano in superficie pensieri e conflitti rimossi; oppure sono incentrati su un’esperienza breve interiorizzata.
Il titolo della raccolta introduce a una varietà di casi in cui la vita e la morte sembrano tendere trappole impreviste o prendersi gioco di personaggi indifesi di fronte all’imprevedibilità della vita e della morte.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Grazia Deledda

La via del male

La via del male di

Ne “La via del male” troviamo gli elementi tipici della produzione della Deledda: uomini, primitivi e taciturni, in ascolto solo delle voci della natura, chiusi nelle loro credenze e tradizioni, in lotta contro un destino avverso, agitati da passioni violente, guidati dall'amore, vissuto come esperienza passionale, o dall'odio, sono indotti al peccato, ma poi schiacciati dal senso di colpa che ...

Cosima

Cosima di

Grazia Deledda Lasciò incompiuta la sua ultima opera Cosima, quasi Grazia, autobiografica.

Annalena Bilsini

Annalena Bilsini di

Per San Michele la famiglia Bilsini cambiò di casa ed anche di terra.Era una famiglia numerosa: cinque figli maschi, la madre vedova, e uno zio di lei, che, sebbene mezzo paralitico e senza un soldo di suo, poteva dirsene il capo.Appunto per i consigli dello zio Dionisio, i Bilsini avevano venduto la loro piccola proprietà per prendere in affitto un vasto fondo, già antico feudo gentilizio che,...

Anime oneste

Anime oneste di

Dopo la morte della vecchia donn'Anna, sistemati gli affari, Paolo Velèna prese con sè la piccola nipote e, com'era stabilito, la condusse ad Orolà, presso la sua famiglia.Orolà è una piccola sotto-prefettura sarda, nella provincia di Sassari. Città fiorentissima sotto i Romani, decaduta poi per le scorrerie dei Saraceni, risorse sotto il dominio dei Barisone, giudici o re di Torres, e si mante...

CANNE AL VENTO (NARRATIVA ITALIANA Vol. 1)

CANNE AL VENTO (NARRATIVA ITALIANA Vol. 1) di

Tutto il giorno Efix, il servo delle dame Pintor, avevalavorato a rinforzare l'argine primitivo da lui stessocostruito un po' per volta a furia d'anni e di fatica, giú infondo al poderetto lungo il fiume: e al cader della seracontemplava la sua opera dall'alto, seduto davanti allacapanna sotto il ciglione glauco di canne a mezza costasulla bianca collina dei Colombi.Eccolo tutto ai suoi piedi, ...

Canne al vento

Canne al vento di

Canne al vento (1913), forse il romanzo più noto di Grazia Deledda, denuncia l'ineluttabile fragilità dell'uomo travolto da una sorte cieca e spietataNelle opere di Grazia Deledda predominano i sentimenti forti dell'amore e del dolore, mentre una tematica ricorrente è l'amara consapevolezza dell'ineluttabilità del destino. Una straordinaria consonanza fra personaggi e luoghi, fra lo stato d'ani...