Ci salveranno le vecchie zie?

Compra su Amazon

Ci salveranno le vecchie zie?
Autore
Leo Longanesi
Editore
Longanesi
Pubblicazione
09/02/2017
Categorie
Le vecchie zie… tutte maestre, «fusti di quercia, dalle radici ben solide», «custodi dell’ordine classico», «fedeli gendarmi dello stato», e ancor più fedeli all’avarizia come «segno di decoro… atto di fede… principio morale… norma pedagogica». Romantico fustigatore dei costumi, Leo Longanesi sapeva benissimo che le vecchie zie, specie in via di estinzione, non ci avrebbero salvato, messe in soffitta come busti impagliati, spodestate dal progresso e da nipoti coi sogni a colori. Erano l’emblema di una borghesia dal candore provinciale antica già allora (nel 1953), che aveva fatto le ossa al paese e l’aveva tenuto in piedi, che amava le cose solide e ben fatte: Longanesi la guarda da lontano, con rispetto e un pizzico di nostalgia. Quella che da par suo sbeffeggia in questo libro è una borghesia (grossa e piccola) dimentica di tutto, di un passato del quale ha ingigantito i pochi vizi e perduto le molte virtù, orfana dei doveri ma con il mito dell’automobile, che considera la cultura un lusso inutile e palpita per i bagni in ceramica, accomunata tutta da «uno scopo breve, una mira corta». Si afferma il bru-bru, versione riveduta e scorretta del travet del buon tempo andato e antesignano dell’odierno portaborse. Nella Milano delle primissime insegne al neon un napoletano cerca lavoro con un sorriso, gli operai sciamano in bicicletta verso le fabbriche di una periferia che sta cambiando, le case che a poco a poco invadono i prati. Dopo oltre mezzo secolo le pagine di questo moralista scomodo del Novecento italiano conservano intatta la loro carica corrosiva, e profetica. Lo spirito acre che le attraversa è temperato da una carezza che prepara la frustata, il motto definitivo. E tutto è scritto in una prosa intinta nel vetriolo ma di eleganza soave, la cui semplicità è il frutto di mille disgusti e di una dottrina antica.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Leo Longanesi

La sua signora

La sua signora di Leo Longanesi Longanesi

Un «taccuino» in cui il genio di Leo Longanesi si esprime nella forma che più gli era congeniale: epigrammi, frammenti, osservazioni, sarcasmi, poesiole, caricature che riecheggiano la sua impareggiabile arte di conversatore e a poco a poco delineano l’immagine di un paese conformista, mammista, retorico e cattolico, vanaglorioso e disposto, sempre, alla lacrima e al compromesso, ...

Parliamo dell'elefante: Frammenti di un diario

Parliamo dell'elefante: Frammenti di un diario di Leo Longanesi Longanesi

Capitolo fondamentale di quella «storia di un italiano» di cui In piedi e seduti (1948) traccerà il profilo tra il 1919 e il 1943, Parliamo dell’elefante (1947) prende in considerazione gli anni tra il 1938 e il 1946. Anni cruciali, che ritornano puntualmente in questi «frammenti di un diario» recuperati e riordinati ancora a caldo, in un tumultuoso dopoguerra. Appunti, riflessioni, note ...

Una vita

Una vita di Leo Longanesi Longanesi

Romanzo narrato attraverso settantatré incisioni accompagnate da brevi didascalie, Una vita fu pubblicato nel 1950 dalla casa editrice che Leo Longanesi (1905-1957) aveva creato nel 1946. In esso si riassumono, trovandovi compiuta espressione, le qualità di quel vero enfant terrible che fu l’autore, il talento multiforme di moralista acre, sferzante, non di rado corrosivo, ma anche ...

Fa lo stesso

Fa lo stesso di Leo Longanesi Longanesi

«Leo Longanesi riflesse al meglio l’indole italiana trasferendo questa consapevolezza nella sua opera. Se lui fu, e lo fu, uno specchio così chiaro delle nostre immagini, ora tocca a noi riappropriarci di esse leggendo le sue pagine che dicono quello che, senza rendercene conto, già sapevamo. La sua intelligenza diventa la nostra intelligenza. E in questo sta il pregio di Longanesi cui, fra l’...

In piedi e seduti

In piedi e seduti di Leo Longanesi Longanesi

1919-1943: tra queste due date si snoda la vicenda di In piedi e seduti , una storia che è Storia di un Paese in un periodo particolarmente cruciale, ma che soprattutto è, storia degli italiani, di «quegli» italiani (forse non tanto diversi dagli italiani dei nostri giorni). Leo Longanesi affronta la materia da par suo, e ancora a caldo (siamo, quando il libro venne pubblicato, nel 1948, e la ...