I figli delle tenebre (Narrativa)

È il 1933. Camille Galay, venticinque anni, arriva a Parigi. Ha lasciato Brooklyn, dove è cresciuta, e l’Alabama, dove ha fotografato i volti segnati dalla Grande depressione. È irrequieta. Non le basta essere la ricca erede del più grande biscottifi cio di Parigi per dare un senso alla propria vita. Non le basta nemmeno calarsi nei panni di un’operaia. Ha bisogno di scoprire le proprie radici, di ritrovare quel passato per cui la madre Gabrielle ha lottato tanto, l’amore fra i suoi genitori che l’orrore della Grande guerra ha quasi spazzato via. Ha bisogno dell’amicizia di Magda, della purezza e della solennità dei legami che si stringono da bambini. Ha bisogno di guardare al presente. Di nuovi incontri per realizzarsi, per comprendere il tempo in cui vive. Attorno a lei l’Europa freme. In preda a un’euforia alcolica, corre verso un nuovo confl itto mondiale. Ma c’è chi decide di non chiudere gli occhi. Chi alla follia nazista si oppone con intelligenza e umanità. Elise, libraia indipendente e cauta, Grete, attrice di cabaret e spietata osservatrice di una Germania accecata dalla gloria, Louvain, agente segreto con un’affascinante cicatrice sul labbro: le loro storie s’intrecciano a quella di Camille, coinvolti nella liberazione dell’unico ebreo che le nazioni si contendono, l’uomo che sta mettendo a punto la formula dell’acqua pesante, componente indispensabile per una nuova micidiale arma nucleare. Anne-Marie Garat ascolta i pensieri di ogni protagonista, ne misura le pulsazioni, affronta demoni, accoglie paure e speranze. Usa la penna come un bulino, cesella le parole e, raffi natissima, racconta le storture e i tormenti di un’epoca, il turbine della pazzia che sta per annientare la dignità delle persone.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Nella notteIl Consigliere Letterario

Così, lo splendido, travolgente lavoro della scrittrice francese, che la ricchezza spesso eccessiva dello stile, la sovrabbondanza descrittiva tenacemente perseguita e la maniacale cura del dettaglio rischiano in più di un’occasione di soffocare, trascende se stesso e il suo essere, nello stesso momento, romanzo storico, avventuroso intreccio spionistico, storia d’amore, puntuale ricostruzione di una drammatica stagione del nostro passato prossimo e pura, libera invenzione letteraria. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.