Il mensile di Lupo Alberto 380: febbraio 2017

Compra su Amazon

Il mensile di Lupo Alberto 380: febbraio 2017
Autore
Silver
Editore
MONDADORI
Pubblicazione
10/02/2017
Categorie
Sollecitati dagli impegni familiari, da quelli di lavoro, dal consumismo che propone ogni giorno nuove seduzioni tecnologiche a cui siamo incapaci di rinunciare, nuove auto più performanti e più veloci, nuovi messaggi subliminali che ci indicano nuovi sogni e bisogni, viviamo giornate sempre più indaffarate, piene di impegni e di scadenze da affrontare di corsa, spesso racchiusi nel nostro personale egoismo che ci chiude gli occhi sugli altri.
Spesso trascinandoci dietro i pesi di un passato che non riusciamo a elaborare e superare, e scaricando sugli altri le nostre tensioni.
Ma tu cerca sempre di ricordare le parole di Gustav Birth, illuminato ipnoterapista svizzero: "Ogni persona che incontri probabilmente sta lottando con i propri problemi. Sii gentile con lei. Non potrai risolverli al suo posto, ma la tua gentilezza forse l'incoraggerà a non rinunciare. La tua gentilezza può essere il miracolo che stava aspettando. Spesso, senza saperlo, anche noi facciamo veri miracoli".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Silver

Il mensile di Lupo Alberto 413: novembre 2019

Il mensile di Lupo Alberto 413: novembre 2019 di Silver MONDADORI

C'era una volta il diario, quello a cui con dare i pensieri, le emozioni, i ricordi. Pagine scritte con la penna, che permetteva di seguire un'idea prima che il pensiero, così veloce, ne fornisse un'altra, e chiuse con il lucchetto, nascoste tra i libri o in fondo al cassetto, dove a nessuno sarebbe venuto in mente di guardare. Perché i sentimenti dovevano restare segreti. Adesso, nell'era ...

Il mensile di Lupo Alberto 412: ottobre 2019

Il mensile di Lupo Alberto 412: ottobre 2019 di Silver MONDADORI

Dopo l'estate dei veleni, dell'arroganza, della violenza, del braccio di ferro dell'uno contro tutti, dell'odio troppo spesso alimentato per ostentare potere e cercare facili consensi in chi crede che l'uomo forte ci salverà, in questo autunno del nostro scontento cerchiamo di capire che non è mai così, e salvarci dalla deriva, recuperando quel briciolo di umanità che dovrebbe distinguere gli ...

Il mensile di Lupo Alberto 411: settembre 2019

Il mensile di Lupo Alberto 411: settembre 2019 di Silver MONDADORI

Sono chiamati genitori elicotteri, perché proprio come elicotteri girano sempre attorno ai loro figli, controllano tutto ciò che fanno e pretendono di aiutarli in ogni piccola cosa. Sono ansiosi, ambiziosi, vogliono sapere tutto ed essere sempre coinvolti, che si tratti di una gita scolastica, del cibo servito alla mensa, dello studio o del tempo libero. Sono protettivi, onnipresenti e ...

Il mensile di Lupo Alberto 409: luglio 2019

Il mensile di Lupo Alberto 409: luglio 2019 di Silver MONDADORI

I porti chiusi a quei disperati del mare che cercano un approdo e un rifugio dalle persecuzioni e le guerre dei loro paesi. L'intolleranza crescente verso lo straniero, quello che deve essere per forza brutto e cattivo, e così si giustifica la crudeltà della violenza, del giustizialismo fai da te, dell'uso delle armi legittimato dalla scusa dell'autodifesa. L'omofobia, i ragazzini prepotenti ...

Il mensile di Lupo Alberto 408: giugno 2019

Il mensile di Lupo Alberto 408: giugno 2019 di Silver MONDADORI

Dopo un inverno caldo e arido, una primavera capricciosa con solo qualche spruzzo di pioggia qua e là, speriamo in un'estate di temporali salvifici. Perché la gente non ha ancora capito il valore dell'acqua nelle nostre vite, e continua a sprecarla con superficialità offensiva, come se fosse solo un rubinetto da aprire e chiudere con comodo. Senza rispetto né consapevolezza, salvo poi ...

Il mensile di Lupo Alberto 407: maggio 2019

Il mensile di Lupo Alberto 407: maggio 2019 di Silver MONDADORI

Persi davanti al display di uno smartphone, le nuove generazioni rischiano di non godere più nulla delle esperienze che vivono, perché gli basta vedere le immagini sullo schermo, riprenderle e poi inviarle a tutti, condividerle sui social senza neppure controllarle, e aspettare approvazioni e commenti come se fosse una rappresentazione teatrale. Nei ragazzi c'è una sorta di trasformazione ...