La Bela Caplera: e altre donne sole o malaccompagnate nella Torino napoleonica (Grande e piccola storia)

Il 28 febbraio 1807, la lama della ghigliottina eretta a Torino in Piazza Carlina cala, col suo cigolio sinistro, sul collo della più famosa donna condannata nella Torino napoleonica, la Bela Caplera. È una brunetta di 23 anni, accusata di tentato avvelenamento ai danni di una sua collega, che praticava come lei il mestiere più antico del mondo, che non è quello della cappellaia... Il boia alza la testa mozzata tenendola per i capelli, la mostra agli astanti e, si racconta, gli occhi ormai fissi della morta si mettono a lacrimare.
Rimasti racchiusi per oltre duecento anni nei registri del Tribunale criminale conservati all’Archivio Storico della Città di Torino, gli atti del processo e il verbale di esecuzione vengono ora a raccontare un pezzetto di storia della nostra Città.
Insieme alla Bela Caplera, si fanno avanti tante altre donne…

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Piera Rossotti Pogliano

Il ventre pieno di farfalle (Grande e piccola storia)

Il ventre pieno di farfalle (Grande e piccola storia) di Piera Rossotti Pogliano Edizioni Esordienti E-book

Sullo sfondo dell’Italia alle soglie dell’Unità e della Francia scintillante del Secondo Impero, le donne di questo libro sono accomunate dalla ricerca della felicità, di cui hanno una visione personale e peculiare. Per l'anziana Rosa, la felicità può essere un pomeriggio passato a spettegolare e una cena a base di coniglio alla cacciatora, accompagnato da un grissino, per "stare leggera", e da...