Gli orari del cuore

"Laguna e coste chiare per respiri puri, puliti,
corse affannate, vento felice,
tempo che soffia, sbuffa come me."

Dalla Prefazione di Valerio Di Lorenzo

[...] In quest’opera, il poeta si mette a nudo confidandoci, quasi come fosse un diario, le proprie emozioni. Gli orari del cuore non è che un insieme di emozioni scritte, personali e soggettive che sono un immenso dono per chiunque volesse coglierlo. [...]

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Gli orari del cuoreMangialibri

Stefano Labria, nato a Roma nel 1984, è sceneggiatore televisivo e collabora a un portale che si occupa di teatro e spettacolo. I componimenti assemblati in questa sua prima raccolta poetica sono accomunati da un ritmo poetico che li rende atti a essere percepiti come un suono nitido di passione. Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Stefano Labbia

Piccole vite infelici

Piccole vite infelici di Stefano Labbia Stefano Labbia Elison Publishing

Giorni nostri. Quattro personaggi in cerca di pace nella quotidianità caotica del mondo (a)sociale del nuovo millennio. Quattro persone si incontrano, si sfiorano, collaborano, vivono, si amano. Poi si perdono di vista, perdono opportunità, occasioni, fanno scelte (talvolta opinabili), si maledicono. Come se niente fosse. Come se tutto ciò che hanno condiviso nel passato recente non avesse ...

Killer Loop'S #1

Killer Loop'S #1 di Stefano Labbia Stefano Labbia

Kimberly, alias Stuart Whitman è un irriverente sicario prezzolato dal passato oscuro. Ottenuta vendetta contro Pauraz, sindacato internazionale criminale, che le ha ucciso sua sorella minore, trasformandolo così da uomo per bene in killer, Kimberly dopo anni dal nefasto evento si ritrova a pestare i piedi proprio a quel misterioso e crudele sindacato che stavolta mette una taglia sulla sua testa.

Bingo Bongo & altre storie

Bingo Bongo & altre storie di Stefano Labbia Stefano Labbia

Dove stiamo andando? Non lasciamoci ingannare dall'età veneranda di questo interrogativo che nonostante le sembianze di un matusalemme spiazza gli uomini di tutte le epoche e di tutte le latitudini. I più propensi alla rassegnazione potrebbero dire: non c'è altro posto in cui andare se non quello in cui siamo già; un posto fatto di solitudine, di uomini posseduti dalla tecnologia, di anime ...