LA VIA DEGLI ABATI: 120 KM DI SENTIERI, 1500 ANNI DI STORIA

Compra su Amazon

LA VIA DEGLI ABATI: 120 KM DI SENTIERI, 1500 ANNI DI STORIA
Autore
Alfredo Morosetti
Editore
DC&E
Pubblicazione
09/03/2017
Categorie
Se vi è un fenomeno culturale di massa che contraddistingue nel profondo la società medievale, questo è il pellegrinaggio. In termini strettamente temporali, dura quanto e più della società medioevale stessa, giacché i suoi albori sono da individuarsi già ancora nel tardo impero romano e, in epoca moderna, mostra ancora una notevole vitalità.Il pellegrinaggio appare agli occhi degli uomini del medioevo come l’allegoria stessa della propria condizione esistenziale. Una sorta di grazia attraverso la quale i limiti della carne, dello spazio e del tempo, e dunque la strada reale, la veste e la fatica, la santità della meta, sono usati come immagini e simboli di un viaggio di trasfigurazione di sé verso la casa del Padre, purificati del male che ci ha costretto alla falsa immobilità dello stare e del suo possesso. Il fenomeno interessò imperatori, re, principi, conti, vescovi, mercanti, poeti, maniscalchi, mascalzoni, servi della gleba. Milioni di uomini che si muovevano da ogni parte di Europa e percorrevano migliaia e migliaia di chilometri verso innumerevoli mete, ma di cui le più agognate furono il Santo Sepolcro di Gerusalemme, la tomba di San Pietro a Roma, il sepolcro di San Giacomo a Compostela in Galizia, nel nord della Spagna. Lungo il percorso vi era per tutti l’obbligo di prestare soccorso al pellegrino che avesse bussato alla porta. Lo si doveva ospitare e rifocillare, tuttavia il sistema dei monasteri medioevali era riuscito a creare una rete di piccoli punti di rifugio ad un giorno di marcia l’uno dall’altro per cui, se non ci si perdeva nei boschi, si trovava un luogo sicuro ove dormire e rifocillarsi. Al calare della sera, questi piccoli centri monastici, chiamati xenodochia (case per ospiti), iniziavano a far risuonare la loro campana di modo che la certezza della loro esistenza e la direzione da prendere fosse ben chiara agli eventuali pellegrini.
Oggi assistiamo ad una diffusa ripresa del ‘pellegrinaggio’, in particolare verso Santiago di Compostela e San Pietro a Roma. Diciamo, per correttezza, che questi percorsi verso i santuari cristiani di Roma e di Santiago, hanno ben poco a che spartire con lo spirito dell’antico pellegrinaggio medioevale. Non solo perché avvengono in condizioni di totale sicurezza, ma perché rappresentano una semplice vacanza e non il compimento di un percorso di purificazione attraverso la penitenza.
Se siamo consapevoli di questo, tutto ci parrà più semplice e persino più vero, e così avremo modo, durante il percorso, di essere riflessivi verso noi stessi e verso quello che stiamo facendo, di usare il percorso e il tempo che gli abbiamo dedicato per fare un reale tuffo nella storia, nell’arte, nel recupero della memoria di mondi e modi di stare al mondo che stanno dissolvendosi senza lasciare traccia.
Per altro verso, bisogna dire che fra le molte possibilità di fare un lungo percorso a piedi, seguendo un tracciato preordinato, quella della ‘via degli abati’ è sicuramente una delle migliori perché si attraversano quasi interamente, con pochissimi tratti di strada asfaltata, sentieri fra boschi, valli e monti, incontrando paesaggi di una straordinaria intensità e bellezza; e, lungo questo insolito tragitto, ci imbatteremo in antichi casolari in pietra, villaggi spesso disabitati, pievi e chiesette millenarie, la cui struggente e composta solitudine ci toccherà il cuore e ci permetterà di ricordare un mondo ormai scomparso, non solo quello medioevale, ma quello della antica civiltà rurale, ormai del tutto cancellato e rimosso nella coscienza collettiva.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Alfredo Morosetti

ANTICHE ROCCHE E CASTELLI FRA APPENNINO EMILIANO  E PREALPI LOMBARDE

ANTICHE ROCCHE E CASTELLI FRA APPENNINO EMILIANO E PREALPI LOMBARDE di Alfredo Morosetti DC&E

Il fascino di un antico maniero è assolutamente irresistibile. Da sempre sono stati fonte di ispirazione letteraria e di suggestioni e leggende di ogni tipo. L’area padana intorno a Milano ne conta diverse decine, molti dei quali dei veri capolavori architettonici e di ingegneria militare. Il percorso, o meglio, i percorsi proposti spaziano dalla pianura lodigiana a quella della Lomellina. ...

UL NATAL BRIANZOEU: Il Natale Brianzolo

UL NATAL BRIANZOEU: Il Natale Brianzolo di Alfredo Morosetti

Se oggi il Natale ha perso assai del suo antico fervore sacrale e della sua magica atmosfera, nella quale, dall’ultima cascina alla grande città, tutti si sentivano affratellati dalla condivisione di un medesimo sentimento di appartenenza al medesimo popolo di Dio e di intima adesione ai valori più profondi del desco famigliare, c’è anche da dire che è forte la nostalgia e il bisogno di ...

OL NEDÀL BERGAMÀSCH: Il Natale Bergamasco

OL NEDÀL BERGAMÀSCH: Il Natale Bergamasco di Alfredo Morosetti DC&E

Il Natale di un tempo a Bergamo e nelle sue vallate …. In molti luoghi le famiglie contadine si riunivano nella stalla più vasta del paese, e la veglia era ancor più suggestiva, arcanamente evocativa di quella lontanissima tra l'umile asinello e il docile bue. Nelle veglie natalizie, una volta, l’uomo più anziano narrava le antiche profezie e verità di fede a giovani e bimbi. Si cantavano dolci...

IL CHIANTI E LA SUA ANTICA CIVILTA’ RURALE :  Il territorio, la civiltà rurale, i percorsi in auto e in bicicletta

IL CHIANTI E LA SUA ANTICA CIVILTA’ RURALE : Il territorio, la civiltà rurale, i percorsi in auto e in bicicletta di Alfredo Morosetti DC&E

l Chianti classico, contrassegnato dell’emblema del Gallo nero, è un vino pregiato, universalmente noto, ma è anche un preciso ambito territoriale a cui corrisponde l’area che propriamente può essere ricondotta al Chianti storico, che fu un territorio piuttosto delimitato e a lungo conteso nella secolare vicenda che vide la lotta fra Firenze e Siena per l’egemonia in Toscana. il paesaggio che...

APPENNINO E ALTA COLLINA PARMENSE: Il territorio, l'antica civiltà agro-pastorale, i percorsi

APPENNINO E ALTA COLLINA PARMENSE: Il territorio, l'antica civiltà agro-pastorale, i percorsi di Alfredo Morosetti DC&E

Il volume mostra l’ampia e variegata realtà dell’Appennino parmense sotto un duplice punto di vista. Da un lato, Il territorio inteso come ambito di risorse naturali che hanno consentito l’affermarsi e il durare di una millenaria civiltà agro-pastorale, e dunque, con esso, la descrizione e la memoria di un mondo oggi quasi totalmente scomparso, ma di cui non possiamo perdere la memoria. Un ...

EL NATAL MILANES

EL NATAL MILANES di Alfredo Morosetti DC&E

Il Natale a Milano al tempo in cui i tram andavano a cavalli, i barconi risalivano il naviglio fino al tombon de San Marc, i bambini dicevano le preghiere prima si andare a letto, le nonne agucchiavano scialletti, raccontando favole ai nipotini, seduti davanti al camino.