Ad alta voce. Il riscatto della memoria in terra di mafia

Nicolò Azoti è un sindacalista e nel Dopoguerra si schiera con i contadini siciliani che reclamano l'attuazione della riforma agraria per l'assegnazione delle terre incolte. Ma a 37 anni viene ucciso dalla mafia che non vuole cedere il suo potere legato al latifondo. Con questo libro, la figlia squarcia la cappa di silenzio che i concittadini e lo Stato gettano addosso alla famiglia, e con orgoglio rivendica la lotta del padre.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Ad alta voceMangialibri

Vincitore del premio Pieve Saverio Tutino 2004, scritto da una maestra in pensione da sempre in prima linea su questioni di criminalità organizzata, Ad alta voce ‒ qui presentato in una nuova edizione ‒ è un’opera solo apparentemente a sfondo privato, perché è attraversata da quella coralità inevitabile per chi sente temi di impegno civile. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per commentare.