Meta-arte

Il lavoro artistico di Adrian Piper obbliga gli spettatori a prendere coscienza della loro complicità con un ordine sociale iniquo, razzista e sessista. A monte di questo lavoro c’è un metodo basato sull’analisi autoriflessiva, che travalica il piano dell’estetica pura per risalire alle ragioni dell’artista in quanto essere sociale. Questo sguardo politicamente consapevole è “meta-arte”. Considerate le condizioni materiali di esistenza dell’arte, fatalmente legate ai giochi speculativi di mercato e critica, Piper sollecita l’artista a interrogarsi sui limiti e i presupposti del proprio agire, per controbattere i meccanismi di controllo del sistema. «Ho coniato il temine “meta-arte” nel 1972, per descrivere il tipo di scrittura che l’artista dovrebbe compiere sul proprio lavoro, analizzandone i processi e chiarendo in un’ottica soggettiva il contesto sociopolitico e le premesse concettuali». Uscito nel 1973 come articolo su «Artforum», Meta-arte è la dichiarazione d’intenti di un’artista che non si riconosce come eccezione bensì come paradigma della società.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli