Non fare scene!

La scuola di scrittura creativa Ellemù di Monaco è alla sua seconda edizione. In quest’antologia le autrici (Maddalena Fingerle, Nadine Löhr, Agnese Ferro, Yvonne Gebhardt) affrontano la sfida di cimentarsi nella scrittura per amore dell’italiano, raccontando la quotidianità. Il risultato è una lingua eterogenea, impastata di dialetto e parole straniere, che rimanda alla letteratura di migrazione e a scrittrici come Igiaba Scego. Flash, lampi di vita che hanno l’effetto di una foto scattata al volo, ma non per questo meno nitida. Personaggi singolari e un po’ astrusi dominano le “scene” – Venezia, i surfisti dell’Eisbach, una sera con le amiche, un corteo pro Palestina, un bosco – dei racconti su cui ci affacciamo. E in queste microstorie è l’ironia del loro sguardo a guidarci, unico strumento possibile per leggere il mondo senza prendersi troppo sul serio, senza fare troppe… scene!

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Scuola di scrittura creativa Ellemù

TRA DUE MONDI: Racconti

TRA DUE MONDI: Racconti di Scuola di scrittura creativa Ellemù

“Tra Due Mondi” esemplifica in racconti diversissimi tra loro l’esperienza totalizzante di vivere “tra”: tra culture diverse, prima di tutto – esperienza che è già evidente nel fatto che le autrici vivono a Monaco di Baviera e scrivono in italiano, lingua che per tre di loro non è la lingua madre. I racconti non si limitano però a questo tipo di “oscillazione”, ma includono anche l’andare tra ...