L’isola di Sachalin

Compra su Amazon

L’isola di Sachalin
Autore
Anton Čechov
Pubblicazione
22 giugno 2017
Categorie
«Per quanto si riferisce a me, non provo appagamento alcuno per il mio lavoro, perché lo trovo meschino» scriveva Čechov all'amico Suvorin nel 1888. «Se è ancor troppo presto per lamentarmi, non lo è mai abbastanza per domandarmi: mi occupo di una cosa seria o di sciocchezze?». Il viaggio che, armato solo del passaporto e di una tessera di corrispondente di «Novoe vremja», intraprenderà due anni più tardi per studiare la vita dei deportati nella colonia penale di Sachalin è la drastica risposta a questo interrogativo. Sbarcato ai confini del mondo, in un luogo dove Puškin e Gogol' sono incomprensibili e inutili e «l'anima è invasa da quel sentimento che, forse, ha già provato Odisseo mentre navigava per mari sconosciuti», Čechov riuscirà – malgrado il boicottaggio delle autorità e un clima che «predispone ai pensieri più foschi» – a penetrare nell'inferno della katorga e a denunciare, con una precisione e un'obiettività dietro le quali fremono pietà e indignazione, il fallimento di un sistema dominato da ingiustizia e corruzione, e colpevole di infliggere «il grado infimo di umiliazione sotto il quale un uomo non può scendere». Ma riuscirà anche a fissare nitidissime visioni di sconvolgente bellezza: le contadine che nella valle dell'Arkaj, per ripararsi dalla pioggia, si legano intorno al capo gigantesche foglie di bardana e «sembrano scarabei verdi»; le lunghe strisce di sabbia che separano il Golfo di Nyj dal mare tetro e malvagio; i giljaki, dai larghi sorrisi beati che possono lasciare posto a un'aria «dolorosamente pensierosa, un po' come le vedove»; le donne ainu dalle labbra tinte di blu, chine sui pentoloni come streghe a rimestare la zuppa di pesce.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Anton Čechov

Antòn Cechov. Ssst!... (Arti visive, architettura e urbanistica)

Antòn Cechov. Ssst!... (Arti visive, architettura e urbanistica) di

Una delle novelle di Anton Cechov, pietra miliare della drammaturgia di tutti i tempi. Il testo integrale è accompagnato e reinterpretato dalle illustrazioni di Franco Staino.

Antòn Cechov. Lingua Lunga (Arti visive, architettura e urbanistica)

Antòn Cechov. Lingua Lunga (Arti visive, architettura e urbanistica) di

Una delle novelle di Anton Cechov, pietra miliare della drammaturgia di tutti i tempi. Il testo integrale è accompagnato e reinterpretato dalle illustrazioni di Franco Staino.

Tre anni

Tre anni di

Tre anni - Anton Cechov Capolavoro dello scrittura russo, Tre anni, narra la storia di Aleksiej, figlio di un ricco commerciante moscovita, che si innamora, non ricambiato, di una giovane fanciulla di provincia. Pur non provando per lui alcun affetto Giulia, decisa ad abbandonare la vita di campagna, acconsente al matrimonio. Giunta a Mosca, però, mostra nei confronti del marito...

Reparto numero 6

Reparto numero 6 di

Aspra invettiva e critica sociale, allegoria sulla vita e la morte, Reparto numero 6 è uno dei più famosi racconti di Cechov. È un resoconto delle condizioni manicomiali in un piccolo padiglione psichiatrico di un ospedale civile della Russia zarista, dove sono internate e rinchiuse cinque persone trattate come bestie. Cechov scrisse il racconto nel 1892, poco dopo il suo ritorno da Sachalin...

La signora col cagnolino (Introvabili)

La signora col cagnolino (Introvabili) di

Un lieve mistero aleggia in queste pagine di Cechov. È il mistero di sentimenti improvvisi contraddittori incontrollabili. Non si sa come e quando nascano: forse da quel mare di noia che spesso circonda minaccioso i suoi personaggi o forse solo dall’ironia dell’autore o forse ancora dai cuori irrequieti e imprevedibili che popolano quest’affascinante Russia pre-rivoluzionaria con i suoi...

Tre racconti (Sírin Classica)

Tre racconti (Sírin Classica) di

La descrizione suggestiva della natura russa, con il fascino e l'impenetrabilità che la contraddistinguono, fa da sfondo alle vicende narrate in questi tre racconti: "Sogni", "Agaf'ja" e "Notte di Pasqua".