L’uomo nella cuccetta n. 10 (I Bassotti)

Nella produzione di Mary Roberts Rinehart, la più importante giallista statunitense della prima metà del ’900, due opere spiccano in particolare: il romanzo d’esordio, La scala a chiocciola (1908) e il successivo L’uomo nella cuccetta n. 10 (1909). Quest’ultimo, secondo molti il suo capolavoro, è un classico del delitto in treno. A bordo della carrozza Ontario, un giovane avvocato sta tornando da Pittsburgh a Washington per portare importanti documenti in grado d’incriminare un astuto falsario. Quando è ora di coricarsi, trova nella sua cuccetta, la n. 10, un ubriaco profondamente addormentato, così si distende su quella accanto. Ma il mattino dopo, al risveglio, scopre che i documenti sono scomparsi e gli abiti che aveva riposto con cura la sera prima sono stati sostituiti con quelli di un altro. Non solo: l’uomo nella cuccetta n. 10 non è più ubriaco, è morto... assassinato. Con questo e con il precedente libro, la scrittrice inventò un nuovo tipo di romanzo poliziesco, che diede origine a una vera e propria scuola, nel quale il centro dell’interesse non era più il processo investigativo, ma il mistero in sé e i personaggi, gente comune vittima di terribili circostanze. La carriera letteraria di Mary Roberts Rinehart, che si protrasse per quasi mezzo secolo, fu così ricca di successi che per parecchi anni fu l’autore più pagato d’America.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli