Il delitto della portantina (I Bassotti)

Sono passati 224 anni da quando la regina Anna d’Inghilterra, nel 1705, visitò Frimley Manor e i territori circostanti. Per commemorare l’avvenimento, Sir Harry Lynwood, il proprietario della dimora, decide di allestire una grande rappresentazione in costume d’epoca, utilizzando addirittura la medesima portantina servita allora per trasportare la regina. La rievocazione riscuote un grande successo, e Sir Harry è giustamente orgoglioso quando quella sera si siede a tavola con i suoi ospiti. Insieme a lui ci sono i figli, un paio di amiche di famiglia, il capitano Roger Bristow, già uomo di punta dei servizi segreti, il parroco del luogo e Jasper Hurst, il nuovo vicino. Verso l’una di notte, dopo che gli ultimi tiratardi si sono ritirati, il capitano Bristow vede dalla finestra della sua stanza qualcosa che lo incuriosisce e scende a investigare. La porta d’ingresso non è chiusa. Affacciandosi in giardino, scorge due individui che stanno trasportando la portantina, ma non appena si accorgono della sua presenza l’abbandonano e fuggono. All’interno c’è un uomo morente, e Bristow fa in tempo a raccogliere le sue ultime parole: «La fede». Di questo giallo del 1930 i critici Barzun e Taylor hanno scritto: “Il meglio di Whitechurch. L’ambientazione è eccellente, i personaggi tutti credibili e l’azione e l’indagine procedono a ritmo serrato dall’inizio alla fine”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli