Sopravvivere a Sarajevo. Le testimonianze dei cittadini nella città assediata

Sopravvivere a Sarajevo è la traduzione italiana dell’opera The Art of Survival, parte di un ampio progetto culturale del gruppo di artisti bosniaci FAMA Collection. Grazie all'eccezionale documentazione arricchita da foto dell’epoca e illustrazioni, il libro ci proietta nella vita di tutti i giorni di una città che si trova in uno stato di eccezione permanente: 1.395 giorni passati senza luce, acqua e gas, il più lungo assedio della storia contemporanea. Le voci di questo testo ci raccontano la forza dell'azione umana, mostrandoci come nei conflitti l’unica possibilità di sopravvivenza sia la costruzione di una comunità che trae linfa vitale dalla creatività e dalla resistenza culturale. Sopravvivere a Sarajevo costituisce un archivio del futuro, un monito al tempo presente sulla pericolosità dei nazionalismi, una questione oggi più che mai al centro degli equilibri europei.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Sopravvivere a SarajevoMangialibri

Le parole chiave racchiuse in questo collage fotografico e di note sono “creatività” ed “equilibrio”, mescolate alle normali attività quotidiane portate avanti con ogni mezzo possibile e a rischio di morte costante dalla popolazione assediata. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di

Gatto, Mon Amour

Gatto, Mon Amour di

AA.VV. Gatto, Mon Amour. Antologia di autori del Gruppo Facebook "Libri Stellari” A cura di Stella Demaris. Copertina di Diego Luci. 14 racconti, 10 poesie e vari aneddoti a tema felino. Furbi, eroici, empatici, appisolati o in cerca di cibo: un caleidoscopio di gatti per ogni esigenza. Gli autori di "Libri Stellari” hanno esplorato in lungo e in largo il magico mondo di queste...

Meglio un uovo oggi... I proverbi di Sardegna e Sicilia (COOL POP Vol. 5)

Meglio un uovo oggi... I proverbi di Sardegna e Sicilia (COOL POP Vol. 5) di

I migliori proverbi delle genti che abitano le isole del Belpaese: la Sicilia e la Sardegna, due territori di bellezza incomparabile e dai tratti tanto diversi sia nel paesaggio che nella gente. Per tutti gli italiani del “continente” sono “le isole”. Cui perdi l’onuri nun tu trova cchiù. Chiamata di lu Re tanta bona nun è. Famini finzasa a coi, non est famini malu. Giustissia chi falta,...

Meglio un uovo oggi... I proverbi di Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia e Liguria (COOL POP Vol. 7)

Meglio un uovo oggi... I proverbi di Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia e Liguria (COOL POP Vol. 7) di

I migliori proverbi delle genti che abitano nel motore industriale e tecnologico del Belpaese: il Piemonte, la Valle d’Aosta, la Lombardia e la Liguria. La cativa lavandera a treuva mai la bon-a péra. Un ommo sensa ardzen, L’est un laou sensa den. Chi volta el cuu a Milan le volta al pan. A salûte senza dinæ a l’è unn-a mëza malattïa. In quale modo più poetico di questo si potrebbero...

Riccardo e Luigi Stracciari (Opere varie)

Riccardo e Luigi Stracciari (Opere varie) di

Questo libro non è un romanzo, bensí la storia vera di un famoso cantante lirico e di suo figlio, il quale prima di affermarsi come pittore, era rimasto coinvolto dall'aspetto scenografico del mondo dello spettacolo in cui era nato. Vite intessute d'arte, di note e di colori, ma anche personalità dedite alla famiglia, orgogliose della loro italianità, con un grande amore per il proprio lavoro...

Giorgio De Chirico. L'uomo, l'artista, il polemico (Arti visive, architettura e urbanistica)

Giorgio De Chirico. L'uomo, l'artista, il polemico (Arti visive, architettura e urbanistica) di

“...appare evidente un fatto che riguarda tutto de Chirico: che cioè sia il de Chirico romantico, che il neoellenistico, che il metafisico non sono che uno stesso de Chirico naturale, uomo naturale e pittore naturale” [Renato Guttuso, 1937] In questo volume è stato raccolto l'elenco delle più significative interviste fatte al nostro più grande maestro italiano e internazionale del...

Giovanni XXIII pellegrino a Loreto e Assisi (Arti visive, architettura e urbanistica)

Giovanni XXIII pellegrino a Loreto e Assisi (Arti visive, architettura e urbanistica) di

La mostra è pensata per celebrare la ricorrenza dei 50 anni dal pellegrinaggio che Giovanni XXIII fece in treno a Loreto e Assisi, il 4 ottobre 1962. Quel giorno, festa di San Francesco,il papa mosse dalla stazione vaticana alle 6,30 per andare a porre sotto la protezione della Madonna e del Poverello il Concilio Vaticano II, che sarebbe cominciato da lí a pochi giorni. Era dal 1857,da quando...