Il banchiere assassinato (Il Giallo Mondadori)

Compra su Amazon

Il banchiere assassinato (Il Giallo Mondadori)
Autore
Augusto De Angelis
Pubblicazione
6 luglio 2017
Categorie
Una stanza grigia, polverosa. Un tavolo consumato e una vecchia stufa. E il telefono nero che nelle lunghe notti di attesa, con la nebbia fin dentro il cortile della Questura di Milano, prima o poi squillerà... È tutto qui il mondo del commissario De Vincenzi, e questa è proprio una di quelle notti. L'amico Giannetto Aurigi gli fa visita dopo aver assistito a uno spettacolo alla Scala e aver vagato senza meta per le strade. Ma per quale ragione presentarsi nel suo ufficio a un'ora tanto tarda? C'è qualcosa di strano, addirittura di sinistro, in lui. La risposta, forse, è nello squillo lacerante del telefono che interrompe la loro conversazione. È stato commesso un delitto, proprio nell'appartamento di Aurigi, e la vittima è il banchiere che gli aveva prestato una grossa somma di denaro. È così che, nell'Italia del Ventennio, inizia per il commissario un'ordinaria vicenda investigativa, fatta di riflessioni, sopralluoghi, interrogatori. Perché è questo il suo mestiere. E perché nella grande città addormentata i drammi sono infiniti.

ALL'INTERNO, il racconto "La Lambretta di Cardosa" di Carlo Parri.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Il banchiere assassinato di Augusto de AngelisMariana Marenghi - Ladra di Libri

Così come il suo stile, asciutto e realistico, non si lascia mai andare in voli letterari, ma resta ben ancorato alla scrittura giornalistica che mira ai fatti ed alla loro descrizione. Ma non illudiamoci! De Angelis non abdica alla poesia! Nel suo stile la poesia è fatta dai dettagli e dall’acutezza di osservazione del protagonista che, alle volte, descrive ciò su cui si posa il suo sguardo quasi in modo introspettivo. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Augusto De Angelis

La barchetta di cristallo (La memoria)

La barchetta di cristallo (La memoria) di

Un gioiello venuto dalla Cina; e due case, due stili di vita, due morti: il Commissario De Vincenzi è l'unico a capire che quel gingillo di apparenza banale, tragicamente, li collega. Un nuovo romanzo dell'inventore del giallo italiano.

L'albergo delle tre rose (La memoria)

L'albergo delle tre rose (La memoria) di

In un albergo popolato di strani figuri che si dedicano, la notte, al gioco d'azzardo, è stato ucciso, prima pugnalato e poi impiccato, un giovane inglese. Seguono a questo altri omicidi, mentre arriva in albergo un avvocato, anch'egli inglese, che deve leggere agli eredi un testamento la cui validità è, misteriosamente, sottoposta alla presenza di tre bambolette di porcellana. E in questa...

Sei donne e un libro (La memoria)

Sei donne e un libro (La memoria) di

In una piccola libreria antiquaria viene trovato ucciso Ugo Magni, medico di successo e senatore. Il commissario De Vincenzi, mite e riflessivo, indaga tra interni Déco con dame stupende, tra esterni affaccendati e case di ringhiera in un universo di portinaie e popolani.

L'impronta del gatto (La memoria)

L'impronta del gatto (La memoria) di

Milano anni trenta. Il Commissario De Vincenzi è alle prese con l’assassinio di un depravato milionario venezuelano. Il cadavere è trovato proprio sul portone dell’abitazione della vittima. Ma le zampette sporche di sangue del felino conducono in tutt'altra direzione.

Giobbe Tuama & C. (La memoria)

Giobbe Tuama & C. (La memoria) di

Milano 1934, Fiera del Libro. Il Commissario De Vincenzi è questa volta alle prese con l'omicidio di uno strano personaggio: Giobbe Tuama, ufficialmente seguace di una chiesa evangelica che fa propaganda di Bibbie, ma anche maligno usuraio.

Il banchiere assassinato (La memoria)

Il banchiere assassinato (La memoria) di

Il primo romanzo della serie con protagonista Carlo De Vincenzi, poliziotto atipico, fuori dagli schemi, poeta più che uomo d’azione: nell’appartamento del suo vecchio amico Giannetto Aurigi è trovato il cadavere di un banchiere. Tutto congiura contro Aurigi, ma De Vincenzi sa scrutare come pochi la scena del delitto e l’animo umano.