La bontà e la malizia degli atti umani

Compra su Amazon

La bontà e la malizia degli atti umani
Autore
San Tommaso D'aquino
Pubblicazione
3 luglio 2017
Categorie
Art 4 - Se le azioni umane siano buone o cattive per il fine .Sembra che il bene e il male negli atti umani non dipenda dal fine.
1. Dionigi [De div. nom. 4] afferma che "nessuno opera in vista del male". Se dunque il fatto che l'operazione sia buona o cattiva dovesse derivare dal fine, nessun atto sarebbe cattivo. Il che evidentemente è falso. 2. La bontà dell'atto è qualcosa di esistente in esso. Invece il fine è una cosa estrinseca. Quindi le azioni non si dicono buone o cattive secondo il loro fine. 3. Un'azione buona può essere ordinata a un fine cattivo, come quando uno dà l'elemosina per vanagloria; e al contrario un'azione cattiva può essere ordinata a un fine buono, come quando uno ruba per soccorrere i poveri. Quindi l'azione non è buona o cattiva per il fine.

In contrario:Scrive Boezio [De diff. topic. 2] che "la cosa il cui fine è buono è anch'essa buona; e quella il cui fine è cattivo è anch'essa cattiva".Rispondo: Le cose stanno alla bontà come stanno all'essere. Ci sono infatti delle cose il cui essere non dipende da altro: e in esse basta considerare direttamente il loro essere. Ce ne sono invece di quelle il cui essere dipende da altro, per cui va messo in rapporto con la causa da cui dipende. Ora, come l'essere di una cosa dipende dalla causa agente e dalla forma, così la sua bontà dipende dal fine. Per cui la bontà delle Persone divine, che non dipende da altro, non ha alcun rapporto con il fine. Invece le azioni umane, e tutte le altre cose la cui bontà dipende da altro, desumono la loro bontà dal fine a cui tendono, oltre che dalla bontà intrinseca esistente in esse. Si possono quindi considerare quattro tipi di bontà nell'azione umana. La prima generica, cioè dell'azione come tale: poiché l'agire, come si è detto [a. 1], per quanto ha di atto e di entità, altrettanto ha di bontà. La seconda specifica: che dipende dall'oggetto proporzionato. La terza secondo le circostanze, come se fossero degli accidenti. La quarta poi secondo il fine, cioè quasi in rapporto alla causa della bontà. (San Tommaso d'Aquino).
-
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
-
VIA PULCHRITUDINIS ::

Collana spirituale :: Antologia Cattolica essenziale.

A SERVIZIO DELLA TRADIZIONE CATTOLICA DI SEMPRE.

https://www.facebook.com/Viapulchritudinis.net/

https://viapulchritudinisblog.wordpress.com/

https://gumroad.com/danka

Presente su Amazon

Aggiornamento continuo.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

SlATE I BENVENUTI..

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

AD JESUM PER MARIAM

::::::::::::::::::::::::::::::

L'autore
 

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di San Tommaso D'aquino

Le virtù umane e le potenze intellettive

Le virtù umane e le potenze intellettive di

"Tra le diverse virtù morali, la tradizione filosofica classica ne ha individuate alcune che sono denominate “cardinali”, perché su di esse, come su un cardine, girano tutti i nostri atti, i quali diventano più o meno buoni a seconda che sono più o meno controllati da esse. Tali virtù sono la saggezza, la giustizia, la fortezza (o coraggio) e la temperanza; con esse si compongono virtù dette...

Le virtù umane e le potenze intellettive

Le virtù umane e le potenze intellettive di

"Tra le diverse virtù morali, la tradizione filosofica classica ne ha individuate alcune che sono denominate “cardinali”, perché su di esse, come su un cardine, girano tutti i nostri atti, i quali diventano più o meno buoni a seconda che sono più o meno controllati da esse. Tali virtù sono la saggezza, la giustizia, la fortezza (o coraggio) e la temperanza; con esse si compongono virtù dette...

La predestinazione e la volontà di Dio

La predestinazione e la volontà di Dio di

Che cosa insegna la Sacra Scrittura sul tema della predestinazione?La Sacra Scrittura parla chiaramente di predestinazione, soprattutto con san Paolo.Questa predestinazione è intesa in maniera diversa dai protestanti (Lutero e Calvino) e dai cattolici.Per i protestanti esiste una doppia predestinazione: essa c’è tanto per gli eletti alla vita eterna quanto per i condannati alla pena eterna.E...

L'amore e l'odio nel contesto delle passioni

L'amore e l'odio nel contesto delle passioni di

Perché una persona in preda all’ira diventa rossa in viso? Perché invece chi ha una forte paura impallidisce? Che relazione c’è tra un evento che sconvolge l’anima e la secrezione delle lacrime, che sono universalmente note come segno di tristezza? A fronte delle pur numerose risposte di natura biologica e medica, non sono trascurabili i dati della filosofia classica, che, ponendosi su un altro...

L'essenza della beatitudine

L'essenza della beatitudine di

In questa operetta si andranno a trattare le seguenti questioni: L'ESSENZA DELLA BEATITUDINE Dobbiamo ora considerare che cosa sia la beatitudine, e quali elementi essa richieda. Sul primo argomento si presentano otto quesiti: 1. Se la beatitudine sia qualcosa di increato; 2. Ammesso che sia qualcosa di creato, se sia un'operazione; 3. Se sia un'operazione della parte sensitiva o soltanto...

Commento al Padre nostro

Commento al Padre nostro di

Le prime comunità cristiane pregano la Preghiera del Signore tre volte al giorno (Didaché 8,3) in sostituzione delle diciotto benedizioni della preghiera ebraica. Il Padre nostro è una preghiera essenzialmente comunitaria.Scrive san Giovanni Crisostomo:Il Signore ci insegna a pregare insieme per tutti i nostri fratelli. Infatti egli non dice Padre "mio" che sei nei cieli, ma Padre "nostro",...