Progetto di sangue

«Scrivo su richiesta del mio avvocato, il signor Andrew Sinclair, che fin dal giorno della mia incarcerazione qui a Inverness mi ha trattato con una cortesia che so di non meritare. La mia vita è stata breve e priva di importanza, e non voglio certo sfuggire alla responsabilità per le cose che ho commesso ultimamente».
Inizia così il memoriale del giovane Roderick Macrae, reo confesso di un triplice omicidio che, nel 1869, sconvolge la piccola comunità scozzese di Culduie, una frazione di sole nove case.
Orfano di madre e figlio di un fittavolo in miseria, con una sorella di poco più grande, Jetta, e due fratelli gemelli molto più piccoli, Roddy ha dovuto abbandonare gli studi per lavorare la terra e guadagnare il denaro che serve alla sua famiglia col sudore della fronte. Le tribolazioni della famiglia Macrae hanno un solo nome: Lachlan Mackenzie. Lachlan vive al capo opposto del villaggio, insieme al fratello Aeneas e al cugino Peter. Un terzetto famoso per le bevute e le baruffe in cui è spesso coinvolto giù alla taverna di Applecross.
Non è mai corso buon sangue fra i Macrae e il clan dei Mackenzie, un rancore che perdura da decenni benché nessuno ne ricordi più la causa, ma da quando Lachlan è stato eletto conestabile del villaggio, la famiglia Macrae non ha più pace. Col fervore di una volpe in un pollaio, Lachlan si è messo a controllare con puntiglio lo stato dei terreni, le condizioni dei sentieri e i fossati dell’appezzamento coltivato da Roderick Macrae, finché non ha trovato il modo dapprima di togliergli un quinto del podere e poi di inviargli una notifica di sfratto.
Il giorno dopo lo sfratto, Lachlan viene trovato brutalmente assassinato e Roderick, ricoperto di sangue, viene avvistato nei dintorni del podere dei Mackenzie. Il ragazzo non esita a dichiararsi responsabile dell’omicidio e viene rinchiuso nel carcere di Inverness in attesa del processo, in cui verrà giudicato dalle migliori menti legali e psichiatriche del paese. L’unico a dubitare della confessione di Roderick, tuttavia, sembra essere proprio il suo avvocato, Andrew Sinclair. Roderick ha raccontato la verità? La sua condanna è giusta o immeritata? Attraverso un’affascinante ricostruzione storica, Graeme Macrae Burnet ha scritto un magnifico romanzo sulla giustizia, la criminalizzazione e il classismo nel tardo xix secolo in Scozia. «Un romanzo storico reso alla perfezione, un libro da cui è impossibile staccarsi» (Newsweek) che è stato finalista al «Man Booker Prize 2016», segnalandosi come il libro della cinquina finale del prestigioso premio inglese più apprezzato da critica e pubblico.

«Un’opera di impeccabile scrittura… una voce che suona sorprendentemente autentica».
The Telegraph

«Burnet dimostra che è possibile unire il diletto innegabile di un romanzo criminale con un altrettanto innegabile valore letterario».
Financial Times

«Un avvincente crime novel, un romanzo storico di grande immaginazione, un libro magnificamente scritto».
Chris Dolan, Book of the Year, The Herald

«I giurati del Man Booker hanno visto giusto: questo è realmente uno dei più convincenti e importanti romanzi dell’anno».
The Scotsman

«Già autori come Henry James, Vladimir Nabokov e Gillian Flynn hanno usato un narratore inattendibile per creare ambiguità e aumentare la suspense. Graeme Macrae Burnet fa tutto questo e molto altro in un romanzo abilmente costruito».
Wall Street Journal

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Graeme Macrae Burnet

La scomparsa di Adele Bedeau

La scomparsa di Adele Bedeau di

Manfred Baumann è un solitario. Personaggio scomodo e perennemente a disagio in società, passa le serate a bere e a osservare di nascosto Adèle Bedeau, la scontrosa ma seducente cameriera di uno scialbo bistrot nell’insignificante cittadina francese di St. Louis. Ma, quando la ragazza all’improvviso scompare nel nulla, l’esistenza di Manfred, principale sospettato, viene stravolta e scandagliat...