Canti: Edizione illustrata

Compra su Amazon

Canti: Edizione illustrata
Autore
Giacomo Leopardi
Pubblicazione
15 luglio 2017
Categorie
A me non ride
L’aprico margo, e dall’eterea porta
Il mattutino albor; me non il canto
De’ colorati augelli, e non de’ faggi
Il murmure saluta: e dove all’ombra
Degl’inchinati salici dispiega
Candido rivo il puro seno, al mio
Lubrico piè le flessuose linfe
Disdegnando sottragge,
E preme in fuga l’odorate spiagge.

Qual fallo mai, qual sì nefando eccesso
Macchiommi anzi il natale, onde sì torvo
Il ciel mi fosse e di fortuna il volto?

In che peccai bambina, allor che ignara
Di misfatto è la vita, onde poi scemo
Di giovanezza, e disfiorato, al fuso
Dell’indomita Parca si volvesse
Il ferrigno mio stame?
Incaute voci spande il tuo labbro:
i destinati eventi move arcano consiglio.

Arcano è tutto,
Fuor che il nostro dolor.

Negletta prole
Nascemmo al pianto, e la ragione in grembo
De’ celesti si posa.

Oh cure, oh speme
De’ più verd’anni! Alle sembianze il Padre,
Alle amene sembianze eterno regno
Diè nelle genti; e per virili imprese,
Per dotta lira o canto,
Virtù non luce in disadorno ammanto.

Giacomo Leopardi, Ultimo Canto di Saffo, vv. 27-54

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giacomo Leopardi

Zibaldone: Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura

Zibaldone: Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura di

Oggidì le menti superiori hanno questa proprietà che sono facilissime a concepire illusioni, e facilissime e prontissime a perderle (parlo anche delle illusioni della giornata): a concepirle, per la molta forza dell'immaginazione: a perderle, per la molta forza della ragione. (26 Giugno 1820).Passano anni interi senza che noi proviamo un piacer vivo, anzi una sensazione pur momentanea di piacer...

Operette Morali: Edizione illustrata

Operette Morali: Edizione illustrata di

Cotesto medesimo odo ragionare a tutti i filosofi. Ma poiché quel che è distrutto, patisce; e quel che distrugge, non gode, e a poco andare è distrutto medesimamente; dimmi quello che nessun filosofo mi sa dire: a chi piace o a chi giova cotesta vita infelicissima dell'universo, conservata con danno e con morte di tutte le cose che lo compongono?G. Leopardi, Dialogo della Natura e di un Islandese

Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani

Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani di

Il "Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'italiani", composto a Recanati tra la primavera e l’estate del 1824 e rimasto inedito fino al 1906, è un breve trattato filosofico dove Leopardi analizza le peculiarità che contraddistinguono la società italiana, e le compara con il carattere, la mentalità e la moralità delle altre nazioni d'Europa.Giacomo Leopardi (Recanati, 29 giugno 1798 ...

Operette morali Edimedia ediz. multimediale integrale (I Grandi Classici Multimediali Vol. 9)

Operette morali Edimedia ediz. multimediale integrale (I Grandi Classici Multimediali Vol. 9) di

Non è facile, pertanto, seguire il percorso elaborativo dell’autore nella stesura delle Operette; ed è proprio questo che la presente edizione ha cercato di fare grazie alle eccezionali potenzialità della rete. Accanto al commento tradizionale esplicativo, dove le note chiariscono la comprensione del testo, si è cercato di far risaltare le straordinarie conoscenze di Leopardi e il gioco di riel...

Operette morali

Operette morali di

Le Operette morali sono una raccolta di ventiquattro componimenti in prosa, comprendente sia dialoghi che novelle, scritta tra il 1824 e il 1831. La pubblicazione definitiva è avvenuta a Napoli nel 1835. Le tematiche principali che attraversano l'intera opera sono: una dura critica nei confronti dell'ottimismo di stampo ottocentesco e nella sua cieca fiducia verso un ineluttabile progresso dell...

Canti

Canti di

Canti di Giacomo Leopardi