STORIE DELL'ALFABETO

Immaginate un uomo dalla spiccata curiosità, dalla vasta cultura, dalla grande intelligenza, animato da vibranti passioni e profondamente innamorato della vita. Il tutto condito da una grande sensibilità. Ebbene, ho appena descritto Roberto Anzellotti.

Si incontrano raramente persone come lui. Ergo quando mi ha chiesto un prologo per la sua quarta fatica letteraria, ossia il libro in questo momento tra le vostre mani, mi sono sentita davvero onorata. L’impostazione è altresì originale: ogni lettera dell’alfabeto corrisponde all’iniziale di un tema attorno al quale si sviluppa una storia.

Ognuno dei suoi ‘raccontini’, da lui così simpaticamente apostrofati, Roberto ci spinge a riflettere, regalandoci nel primo capitolo una splendida valutazione sul verbo ‘avere’, il quale a suo avviso “ci mette un po’ in imbarazzo, sembra quasi che voglia togliere tutta la fondamentale importanza al suo concorrente diretto, il verbo essere”. “Essere o avere?”, prosegue, “ancora oggi forse una risposta chiara e definitiva non c’è e magari non ci potrà mai essere”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo