Bora scura: La saga del confine d’Oriente (Robin&sons)

Compra su Amazon

Bora scura: La saga del confine d’Oriente (Robin&sons)
Autore
Leandro Lucchetti
Editore
Robin Edizioni
Pubblicazione
09/08/2017
Categorie
Quando si precipita giù da nord-est a oltre 100 km/h, cielo corrusco e freddo boia che ti penetra nelle ossa, con raffiche di pioggia e nevischio che se non stai attento ti sbattono a terra e rischi di finire in mare, allora è Bora scura. Vento senza pietà che assurge a simbolo dei venti di guerra che spazzano il confine orientale d’Italia. Dopo l’8 settembre 1943 il territorio è occupato dalle truppe tedesche. La zona di operazioni è percorsa da ss e divisioni asiatiche, da repubblichini della RSI, da partigiani garibaldini e da partigiani anticomunisti; da partigiani titini sloveni e croati, ma anche dai collaborazionisti Domobranzi, Ustascia e Cetnici.
Uomini e donne, con le loro esistenze, resistono aggrappandosi alla vita con le unghie e con i denti.
Petro, Alpino in Montenegro, attraversa Bosnia, Croazia e Istria per tornare a casa in Friuli.
I fratelli Radetic sono ideologicamente divisi: il Fascismo vuole l’assimilazione forzata della popolazione slava. Matej rivendica il suo essere croato; Aloisio sceglie di essere italiano.
A Trieste Mussolini promulga le leggi razziali e la Risiera di San Sabba diventa l’unico campo di sterminio nazista in Italia. Loris nel Fascismo inciampa che è ancora un bambino.
Figure femminili si stagliano come decisive protagoniste di un’epopea. Senza le donne non si potrebbe parlare di Resistenza.
Bora scura è guerra feroce e spietata. In guerra siamo tutti cattivi.
Bisogna solo scegliere da che parte stare.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Leandro Lucchetti

Il canto dell'Orinoco (Robin&sons)

Il canto dell'Orinoco (Robin&sons) di

Per i nativi è ‘el Cobra Grande’, l’Orinoco, il maestoso fiume amazzonico considerato per secoli da conquistadores, avventurieri e pirati la via d’accesso per l’Eldorado. Il fiume, nel suo alto corso, s’inoltra nell’inaccessibile territorio degli Indios Yanomami, che rifiutano ogni contatto con l’uomo bianco, protetti dal Governo venezuelano che ha dichiarato il loro habitat una “biosfera” in c...