«Ti lascio e vado nei campi…» : Giuseppe Verdi agricoltore (MFS Montefalcone studium)

In occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, il volume propone il ritratto di un imprenditore agrario scrupoloso, attento a quelle innovazioni che, negli ultimi decenni dell’Ottocento, stavano gradualmente cambiando il volto dell’agricoltura italiana. I tre studi ricompongono il percorso di ascesa sociale e patrimoniale del Maestro che, grazie ai proventi delle sue opere, riuscì ad acquistare una vasta rete di possedimenti distesi tra il Po, l’Arda e l’Ongina. Di queste “terre verdiane”, in cui la memoria di Giuseppe Verdi si è conservata più vivida e verso cui il Maestro mostrò un acceso senso di appartenenza, si mettono a fuoco i caratteri sociali e antropici, con particolare riguardo alle tipologie di insediamento rurale. È ricostruito, principalmente attraverso la disamina della vasta produzione epistolare, l’humus culturale e agronomico nel quale Verdi maturò la propria attività agraria, un tessuto fatto di visite a mercati e fiere delle zona, letture di testi divulgativi, contatti e scambi di esperienze con altri proprietari della zona. Infine viene approfondito il rapporto del Maestro con i prodotti delle sue terre. Verdi, che fu un produttore-consumatore responsabile, riuscì a trasferire la cura del dettaglio, la raffinatezza e la genuinità non solo nelle opere musicali, ma anche nelle abitudini alimentari.

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli