Il libro della giungla

Le infinite notizie che un lavoro di questo genere ri-chiede costringono il compilatore a ricorrere alla generosità di specialisti, e gli mancherebbe qualsiasi titolo a tale loro generosità se non fosse disposto al riconoscimento più ampio possibile di quanto a loro egli deve.
I suoi ringraziamenti sono dovuti, in primo luogo, al colto e abilissimo Bahadur Shah, elefante facchino 174 nel Registro Indiano, il quale, con la sua amabile sorella Pudmini, molto cortesemente fornì la storia di «Toomai degli Elefanti» e molte delle informazioni contenute in «Servi della Regina». Le avventure di Mowgli furono raccolte in tempi e luoghi diversi e da una moltitudine d’informatori, la maggior parte dei quali desidera con-servare il più stretto incognito. Però, dopo tanto tempo, il compilatore può ringraziare un signore indù del vecchio stampo, stimato abitante degli alti pendii di Jakko, per la sua convincente, se pur alquanto caustica valutazione delle caratteristiche nazionali della sua casta – i Presbiti; Sahi, un sapiente dalle infinite ricerche e abilità, membro della recente dispersa Banda Seeonee e un artista ben noto alla maggior parte delle fiere dell’India Meridionale, dove la sua danza alla museruola col suo padrone, attrae colla giovinezza, bellezza e cultura di molti villaggi. Questi hanno contribuito con i più preziosi dati su gente, usi e costumi, liberamente trattati nelle storie di «La tigre!», «La caccia di Kaa,» e «I fratelli di Mowgli». Per la trama di «Rikki-tikki-tavi» il compilatore è debitore ad uno dei principali erpetologisti dell’India Superiore, un investigatore senza paura e indipendente, il quale avendo deciso «di non vivere, ma conoscere», sacrificò ultimamente la sua vita per troppa applicazione allo studio della nostra Tanatofidia Orientale. Un fortunato accidente di viaggio rese possibile al compilatore, allorchè viaggiava sull’Imperatrice d’India, di rendere un piccolo servigio ad un compagno di viaggio. Quanto largamente il suo piccolo servigio sia stato ripagato, possono giudicarlo i lettori de «La Foca Bianca».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Rudyard Kipling

Storie proprio così (Biblioteca Adelphi)

Storie proprio così (Biblioteca Adelphi) di

Tredici storie, scritte originariamente da Kipling per fare addormentare la figlia Effie e corredate dai disegni dell’autore, in cui si svelano vari misteri: perché il cammello abbia la gobba e il leopardo le macchie, quale sia l’origine degli armadilli e quale invece quella dell’alfabeto, in una girandola di invenzioni che, per chi legge, sembra non fermarsi mai.

Kim (eNewton Classici)

Kim (eNewton Classici) di

Introduzione di Gianluigi MelegaTraduzione di Sara CortesiaEdizione integraleNato in India da genitori irlandesi, Kimball O’Hara ha imparato a vivere di espedienti per le strade di Lahore come ogni bambino indiano, anche se le sue origini fanno di lui un sahib, un privilegiato. Quando conosce il vecchio asceta tibetano Teshu, decide di diventare suo discepolo e di accompagnarlo nel suo pellegri...

Kim (Italian Edition)

Kim (Italian Edition) di

Kim è un romanzo del 1901 di Rudyard Kipling.Nello sfondo dell’India coloniale viene raccontata la storia di Kim (Kimball O'Hara) un ragazzino tredicenne orfano di un sergente irlandese e povero, nelle strade polverose delle città indiane e su monti e vallate incontaminati della natura indiana. Grazie alla sua conoscenza tanto delle consuetudini indiane quanto di quelle inglesi, Kim si pone com...

Facile come l'abc

Facile come l'abc di

Siamo nel 2065. Un’abnorme macchina aerea controlla il pianeta e, grazie a grotteschi marchingegni, è in grado di contrastare ogni episodio di isteria individuale e collettiva. La tecnologia ormai permette un isolamento completo, in cui assistere equivale a partecipare, e in cui la facilità delle comunicazioni ha distrutto la curiosità umana. L’entertainment è il volto non violento della democr...

I Janeites: Il club di Jane Austen

I Janeites: Il club di Jane Austen di

Nell’autunno del 1920, due ex militari inglesi si ritrovano a chiacchierare su come sono sopravvissuti alla guerra. Humberstall è un parrucchiere “saltato in aria due volte”, con “gli occhi da cane da riporto un po’ confuso” e racconta ad Anthony, un tassista piccolo, scuro e con la gobba, del suo provvidenziale incontro con due commilitoni appassionati di Jane Austen, a lui completamente ignot...

Capitani coraggiosi

Capitani coraggiosi di

L’avventura memorabile di un ragazzo che si allena a diventare uomo imparando a vedere oltre il pregiudizio.  «Quando si comincia a leggere Capitani Coraggiosi non si viene accolti da un’introduzione alle regole della navigazione, alla tecnica della pesca al merluzzo, alle leggi del mare… Ogni cosa la s’impara leggendo. E al principio si capisce poco, si avanza impacciati, proprio come il pover...