Non chiamatemi Eccellenza: 49 origami per ricominciare

“Non chiamatemi Eccellenza” è uno scherzo del cervello di chi per quarant’anni ha vissuto nel mondo formale della diplomazia e negli ultimi venti ha rivestito per due volte la carica di ambasciatore: di qualcuno cioè che è chiamato ad assol vere ad una funzione di responsabilità nella quale per gli scherzi c'è poco spazio. Eccellenza è il titolo al quale ha diritto all'estero il Capo Missione, cioè colui che un'ambasciata dirige. A quella funzione l'autore ha creduto non poco. Quando tuttavia si è congedato dal servizio attivo il suo cervello ha smesso subito i paludamenti della sua ex-professione per riprendere il filo di una personalità messa da parte quasi mezzo secolo prima per dedicarsi a un lavoro che non ti obbliga solo a controllarti in ogni momento, ma ti impone delle vere e proprie mutazioni per immedesimarti in parti che sono tutt’uno con il mestiere. La mente sa prendersi le sue rivincite. In questo caso si è abbandonata a un’euforia di libertà, talvolta al confine con l’assurdo. Ne è nata una raccolta di versi bizzarri, a volte quasi delle filastrocche, da cui probabilmente i critici italiani, se chiamati in causa, si ritrarrebbero inorriditi. È un particolare però che interessa poco all’autore. L’essenziale per lui era riprendere l’alternativa a suo tempo scartata, quel se stesso che gli era rimasto dentro incompiuto per una vita intera – The road not taken, avrebbe detto, con magica semplicità , quel grande poeta che fu Robert Frost.
Gabriele Sardo è nato a Trieste nel 1944. Ha prestato servizio come diplomatico nella Repubblica Federale di Germania, in Argentina, in Messico, negli Stati Uniti d’America. È stato Rappresentante Permanente (Ambasciatore) presso l’UNESCO a Parigi e a Ottawa in Canada. Ha insegnato per vari anni presso la School of Government dell'Università LUISS di Roma. Vive attualmente a Torino.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Gabriele Sardo

Al Cospetto della Bruna Signora

Al Cospetto della Bruna Signora di Gabriele Sardo

A sessant’anni un uomo non è vecchio, ma è quella l’età in cui capisce che da tempo ha cessato di essere giovane e che giovane non sarà mai più. Come ombra che si allunga nel meriggio il pensiero della fine si insinua in lui mutando subdolamente il tono delle sue riflessioni. Quel pensiero è la Bruna Signora che dà il titolo a questa raccolta di versi. Qualcuno dirà: niente di nuovo, sappiamo ...