Stella mattutina

«Io vedo – nel tempo – una bambina». Così si apre Stella mattutina, presentandoci subito la protagonista e già offrendoci qualche indizio della tersa poesia delle sue pagine. «Scarna, diritta, agile. Ma non posso dire come sia, veramente, il suo volto: perché nell'abitazione della bambina non v'è che un piccolo specchio di chi sa quant'anni, sparso di chiazze nere e verdognole; e la bambina non pensa mai a mettervi gli occhi; e non potrà, più tardi, aver memoria del proprio viso di allora». Di questa bimba, da una distanza temporale che accomuna lei e la voce narrante, si cerca di recuperare la fisionomia e tutto il mondo. A essere rievocati sono però proprio l'infanzia, l'adolescenza e la giovinezza della Negri e soprattutto il suo mondo intimo di pensieri e stati d'animo: dall'epoca in cui viveva con la madre e la nonna nei locali di una portineria e scopriva le storie di Dumas, agli anni delle scuole superiori e della passione viscerale per la poesia, mentre affioravano in lei istintivi moti di ribellione nei confronti delle differenze di classe e di vita e si faceva sentire l'urgenza di una maggiore giustizia sociale; fino all'agognato diploma di maestra, simbolo di un difficile e doloroso riscatto.
Pubblicata per la prima volta nel 1921 e salutata da illustri critici come l'opera migliore della Negri, Stella mattutina ebbe grande successo fra i lettori dell'epoca, varcando le frontiere con numerose traduzioni, ma può costituire una felice sorpresa anche per il lettore contemporaneo: l'esattezza dello sguardo con cui la scrittrice valuta e descrive quanto le accade e la circonda, la sensibilità e il coraggio con cui racconta una vita ricca di umiliazioni e di prove, la straordinaria freschezza dello stile, fanno infatti di questo libro una lettura appassionante e suggestiva.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Ada Negri

Stella mattutina

Stella mattutina di Ada Negri

Le solitarie: Storie di donne

Le solitarie: Storie di donne di Ada Negri Sinapsi Editore

Le solitarie è una delle opere più rappresentative della letteratura femminile dell'intero XX secolo. Descrive ritratti di donne dei primi del Novecento: Feliciana, Cristiana, Fresia, Veronetta, le loro condizioni di lavoro, di infelicità in matrimoni non voluti. Donne vittime di abusi, donne senza istruzione e condannate alla povertà. È una lettura coinvolgente in cui la profonda ...

Stella mattutina

Stella mattutina di Ada Negri Sinapsi Editore

La piccola Dinin vive nella portineria della quale sua nonna è unica custode. In quel palazzo di ricchi signori lei, ad appena sette anni, scatta agilmente ogni volta che sente avvicinarsi una carrozza, per aprire il cancello. Dinin sa che vuole studiare, diventare una maestra, emanciparsi. Perciò inizia a leggere e istruirsi per liberare sé stessa dallo quel giogo pesante che schiaccia sua ...

Il dono

Il dono di Ada Negri Greenbooks Editore

Raccolta di poesie pubblicata nel 1936, in cui la poetessa si confronta con la morte e il dono che è stato per lei la vita. Il percorso della scrittrice di avvicinamento alla fede sembra raggiungere qui la sua meta serena.

Le solitarie (Fuori dal coro)

Le solitarie (Fuori dal coro) di Ada Negri KKIEN Publ. Int.

Diciotto stupendi ritratti di donne appartenenti a ceti umili, a esclusione di poche donne benestanti, per la maggior parte eccentriche, o dal punto di vista esteriore (ricorrente è la presenza del fisico brutto o anomalo, che ne giustifica l’emarginazione) o psicologico, per la posizione che loro malgrado si trovano a vivere rispetto alla ‘normalità’. La stessa Ada Negri parla di questi ...

Finestre alte

Finestre alte di Ada Negri Greenbooks Editore

Ada Negri (Lodi, 3 febbraio 1870 – Milano, 11 gennaio 1945) è stata una poetessa e scrittrice italiana. È ricordata inoltre per essere stata la prima e unica donna ad essere ammessa all'Accademia d'Italia. Questa sua opera di narrativa, pubblicato per la prima volta nel 1928, raccoglie 17 storie di donne. Dall'incipit del libro: Quando accadde la disgrazia, Lùcia aveva sette anni. ...