La casa del poeta: 29 racconti

"La casa del poeta" è una serie di racconti brevi scritti da Grazia Deledda, brevi, brevissimi e scorrevoli. Si parla di sentimenti, profondi, come l'odio, la stima, l'invidia e con poche frasi l'autrice riesce a scrivere un racconto che fa entrare il lettore, oltre che in quel mondo, anche nei personaggi che provano quelle emozioni. Non sempre le trame sono riuscite, ma lo stile è eccelso
I racconti sono:
"Il fidanzato scomparso", "Il bacio del gobbino", "La leggenda di Aprile", "La promessa", "Il sicario", "Battesimi", "La casa del poeta", "Famiglie povere", "Vetrina di gioielliere", "Feriti", "Storia di un cavallo", "Cosa che si raccontano", "Borse", "L’aquila", "Il lupo nel baule", "Pace", "Il terzo", "Denaro", "Tramonti", "L’amico", "La sorgente", "Il cieco di Gerico", "Compagnia", "La morte delle tortora", "Semi", "La Roma nostra", "La nostra orfanella", "La fortuna", "La ghirlanda dell’anno".


Maria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante, il 27 settembre 1871. E’ stata la seconda donna a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1926. Morirà a Roma, all'età di 64 anni, il 15 agosto 1936.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Grazia Deledda

Il paese del vento

Il paese del vento di

Il paese del vento, metafora ovviamente della natìa Sardegna, è un luogo dove all'asperità del territorio corrispondono rapporti umani retti da leggi arcaiche e immutabili. Esiste, dunque, una sorta di mistica comunione tra stati d'animo e paesaggio. La scrittura in prima persona, supportata da una struttura linguistico/sintattica sarda e latina, oltre a evidenziare l'autobiografismo conferisce...

Novelle: sole d'estate

Novelle: sole d'estate di

Edita per la prima volta nel 1933, "Sole d’estate" è l’ultima raccolta di novelle pubblicata in volume da Grazia Deledda prima della sua morte, avvenuta nel 1936. Un'opera composta, quindi, in un periodo particolare per la scrittrice nuorese, quando il successo mondiale, suggellato dal Premio Nobel per la letteratura del 1926, le aveva ormai arriso, trasformandola in una delle autrici in lingua...

Cenere

Cenere di

Sullo sfondo la Sardegna piena di simboli e ricordi tipica dei romanzi del Premio Nobel Grazia Deledda. In primo piano il romanzo delle passioni elementari e comunque radicali: Olì che conosce l'amore e giovanissima si scopre tradita; Anania, il cercatore di tesori inesistenti, inconsapevolmente crudele; il figlio dei due costretto a crescere senza la prospettiva di una normale vita famigliare....

L'incendio nell'oliveto

L'incendio nell'oliveto di

Pochi personaggi, uno spazio scenico essenziale, una trama priva di elaborate divagazioni per un romanzo maturo, espressione di un diverso orientamento improntato alla semplificazione estrema e tuttavia fedele ad una poetica consolidata. Una famiglia decaduta, un amore travagliato, la collisione tra vecchio e nuovo, antico e moderno, il rapporto tra servi e padroni, costanti di un universo...

Novelle: la regina delle tenebre

Novelle: la regina delle tenebre di

"La regina delle tenebre" è il titolo di questa raccolta composta da sei racconti di vario genere ed ambientazione che permettono di conoscere in maniera dettagliata lo stile narrativo della scrittrice nuorese, apprezzata dal pubblico, non solo come autrice di romanzi, ma anche come novellista e scrittrice di racconti brevi. La prima novella che dà il titolo alla raccolta, narra della geniale...

I MIGLIORI ROMANZI E RACCONTI, VOL. V: LEGGENDE SARDE, L'ARGINE, SOLE D'ESTATE, IL NONNO.

I MIGLIORI ROMANZI E RACCONTI, VOL. V: LEGGENDE SARDE, L'ARGINE, SOLE D'ESTATE, IL NONNO. di

Questo volume contiene soprattutto raccolte di racconti della prima Grazia Deledda, le quali contribuirono a farla conoscere in ambito nazionale, prima dell'arrivo della grande fama internazionale che portò la scrittrice sarda al Nobel per la Letteratura nel 1926.