Si stava meglio: In viaggio con mia nonna lungo un secolo di storia italiana

Compra su Amazon

Si stava meglio: In viaggio con mia nonna lungo un secolo di storia italiana
Autore
Claudio Di Biagio
Editore
Rai Eri
Pubblicazione
26/09/2017
Valutazione
1
Categorie
La storia è sempre quella: si nasce, e poi si prova a vivere. Ci si innamora e si scopre il sesso e magari ci si sposa, oppure no, ci si perde, si divorzia. Si incontra un nemico e lo si combatte, oppure no, siamo noi il nemico. Si insegue la propria ambizione e si corona un sogno oppure no, si cade sul percorso, vittime dello stress. Poi invece capita che vai a pranzo da tua nonna e nel fumo della pasta “alla zozzona” ti coglie l’illuminazione: no, la storia in realtà è sempre diversa, dipende da come la racconti. Dipende dalla memoria. E allora, Claudio parte, deciso ad attraversare Roma in un viaggio con nonna Lea, inseguendo la storia e i pensieri di una generazione – quella degli over 70 – con cui il dialogo gli appare più facile e fecondo che con quella dei padri. La vicenda di Lea si intreccia poi ad altre tre, liberamente reinterpretate a partire da lunghe interviste: quelle di una giornalista battagliera, di un artista appassionato, di una sportiva innamorata del mare.
Mentre il gioco sempre più intimo delle domande e della rivelazioni trasforma un semplice viaggio in macchina in un’avventura picaresca, intrisa di realismo magico, Claudio tesse nel suo racconto la più dirompente delle verità: la realtà vissuta da uno è sterile, se non diventa esperienza regalata a tutti. E la sua generazione, così spesso definita “in crisi di futuro, respiro ed entusiasmo”, ha bisogno di storie vere per crescere, ne ha bisogno come dell’aria, come della luce. Perché solo al ritmo della parola – reale, onirica, malinconica e ruggente – il cuore può tornare a battere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Si stava meglioMangialibri

C’è un modo per sconfiggere la noia: non avere niente. Viareggio, all’inizio del ventesimo secolo, è un paesello costruito per farne una meta turistica da quattro capomastri che hanno fatto tutto il lavoro edificando il borgo intorno a una torre. Un progetto reale che viene dal basso, così che la strada è dei bambini, della gente: le carrozze passano ma sono ospiti su quelle Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per commentare.