A tavola coi re: La cucina ai tempi di Luigi XIV e Luigi XV

L’evoluzione del gusto alla corte di Luigi XIV e a quella di Luigi XV in un racconto divertente, pieno di curiosità e di aneddoti, dalle attrezzature delle cucine della casa reale ai metodi di cottura, fino alle pentole, alle portate, all’etichetta di corte e ai posti a tavola. E poi i cibi: meno spezie e più erbe aromatiche, pasticci e coulis, la diffidenza verso la patata accusata di causare la lebbra. Non mancano le norme igieniche e il galateo, il cerimoniale, il personale di servizio, dal maître d’hotel all’officier de bouche, e infine la descrizione della cena del re e della regina en grand couvert, con un menu sontuoso ma che i reali spiluccavano appena.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Francesca Sgorbati Bosi

Non mi attirano i piaceri innocenti: Costumi scandalosi nella Parigi del Settecento

Non mi attirano i piaceri innocenti: Costumi scandalosi nella Parigi del Settecento di

Un libro documentatissimo, divertente e irriverente sui cosiddetti piaceri proibiti nella Francia pre-rivoluzionaria.

Giuda pettegola al teatro francese del Settecento

Giuda pettegola al teatro francese del Settecento di

Straboccante di notizie, di aneddoti, questa guida pettegola al teatro francese è essa stessa uno spettacolo, molto documentato e divertente. Inquadrature provenienti dal gossip e dalle cronache dell’epoca: gazzette, fogli clandestini, pamphlet vietati, memorie segrete, relazioni, verbali di polizia, processi, epistolari, restituiscono al lettore la cosa più preziosa di un quadro d’ambiente sto...

Guida pettegola al Settecento francese (La nuova diagonale Vol. 101)

Guida pettegola al Settecento francese (La nuova diagonale Vol. 101) di

Nasce nella Francia del Settecento il pettegolezzo. Lo dimostra questa inchiesta tra le centinaia di 'rumors' o di 'bruits' che questo libro raccoglie, cataloga per argomento e inquadra nel tempo nello spazio e nei protagonisti. Erano notizie brevissime e senza sottintesi, che venivano pubblicate in libretti e altre forme. Miniature in cui, come diceva Barbey D’Aurevilly, vi è più storia che in...