Notturno: La seconda ora: il gigaverme.

“Dobbiamodividerci” disse August.

“No bello! Io col cazzo che vado da solo da qualche parte qui!” Non c’era il tempo per fingere eroismi: era terrorizzato e non avrebbe permesso a nessuno di lasciarlo solo

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Pietro Rotelli

Notturno: La quinta ora: di ombra e tenebra.

Notturno: La quinta ora: di ombra e tenebra. di

Decise di chiamarla Empatia e le diede un corpo. Era bravo a fare quello, fin da piccolo aveva imparato dalla nonna a dare una forma fisica ai sentimenti o alle idee: sapeva rendere tangibile l’astratto. Era uno Scultore, anche se né suo padre nei campi prima, né il suo Signore dopo, avevano in simpatia questa capacità. Siamo alle battute finali della prima stagione di Notturno.

Notturno: La quarta ora: un milione di piccoli pazzi.

Notturno: La quarta ora: un milione di piccoli pazzi. di

“Ok ok, non facciamola tanto lunga: chi siete?” Un brusio che più che un brusio assomigliava al rumore di fondo di una stazione ferroviaria o di un aeroporto dove molte persone sostavano e parlavano e facevano cose. Gli esseri si stavano consultando fra loro. Poi un silenzio improvviso e: “Siamo Esauditori” Nel mondo Dilà nuovi eventi e nuove figure arricchiscono la trama. Ce la faranno i...

Tunder Tardo: La sentinella ingiustificata

Tunder Tardo: La sentinella ingiustificata di

Primo capitolo della saga di Tunder Tardo, supereroe un po' strano e surreale con tutto il suo presepe di personaggi e cattivi improbabili.