Cabala bianca

Compra su Amazon

Cabala bianca
Autore
Gian Dàuli
Pubblicazione
28 settembre 2017
Categorie
E’ il 1944 quando Gian Dàuli scrive Cabala bianca, uno dei libri più inusuali della narrativa italiana del Novecento. Concepito come una scatola cinese, questo romanzo racconta le giornate di un uomo qualunque che confonde la vita reale con il mondo dei sogni, senza rispettare il naturale alternarsi del sonno e della veglia, mescolando le proprie esperienze notturne e diurne. Lo circondano personaggi come la moglie Clementina e l’amico Piero, che rivestono i ruoli di vittime o carnefici in maniera ambigua, ma anche figure dall’esistenza incerta, come l’amante Gabriella e il figlio Bernabo, che appaiono e scompaiono come impalpabili ombre e luci. Si succedono cosi coup de théâtre, mentre nella sua odissea personale il narratore sfugge da un incubo per cadere in un altro, scavando nell’inconscio e mettendo in scena una sequenza di immagini dalle atmosfere pirandelliane. Un libro raro, geniale come il suo autore, un vero gioiello della nostra letteratura.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Gian Dàuli

Cabala bianca

Cabala bianca di

Un uomo perso fra sogno e realtà si invischia in un mondo fatto di percezioni ambigue e fantasiose, allontanandosi sempre di più dalla vita di ogni giorno...

Biancaneve, i sette nani e il principe azzurro ed altre celebri fiabe

Biancaneve, i sette nani e il principe azzurro ed altre celebri fiabe di

Gian Dàuli racconta con il suo consueto stile alcune celebri fiabe tratte dalle “cinquanta fiabe” dei fratelli Grimm, da Biancaneve e i sette nani ad Hansel e Gretel (Nannino e Ghita).

Ricostruire la vita

Ricostruire la vita di

In borgo Santa Lucia, a Vicenza, il vecchio dottor Luigi Lusera era da tutti conosciuto e apprezzato, anche se un po’ eccentrico. Il figlio Giovanni soprannominato “Giovannino Affari”, era invece conosciuto per le sue pazze imprese industriali e commerciali nelle quali aveva dato fondo non solo ai propri quattrini, soprattutto dopo la morte del padre, ma anche a quelli di molti ingenui che...